Orzinuovi

"Orzinuovi è la capitale della Bassa, ha bisogno di ciclabili"

Per avere una città più sicura

"Orzinuovi è la capitale della Bassa, ha bisogno di ciclabili"
Cronaca Bassa, 20 Giugno 2021 ore 13:48

Che fine ha fatto il piano per avere delle arterie ciclo pedonali in città?

A Orzinuovi servono le piste ciclabili

E’ estate e dopo due anni di chiusura l’esigenza primaria è quella di uscire di casa: stare fuori, all’aria aperta, anche solo per camminare o farsi una bella pedalata in bicicletta.
E’ proprio quest’ultimo punto che sta risvegliando parte della popolazione orceana che, anni fa, aveva chiesto a gran voce un piano per la viabilità di pedoni e ciclisti. Non ciclabili di collegamento senza alcun senso fra loro in città, ma una vera e propria rete che coinvolga anche i paesi limitrofi e le frazioni.
L’iniziativa era stata lanciata da Alessandra Giovannini, residente in una delle cascine del territorio che, per arrivare in centro, deve farsi due chilometri in bici a lato di un pericoloso stradone.
Da cosa nasce cosa e, dopo aver parlato con alcuni orceani qualche anno fa era riuscita a raccogliere da sola ben 2mila iscrizioni in meno di 60 giorni, tra luglio e agosto.
Tutto è stato protocollato in Comune e portato all’attenzione dell’allora sindaco Andrea Ratti, che aveva firmato un documento in cui prendeva l'impegno di attivare questo progetto ma poi, tra cambi di Amministrazione e il passare del tempo non si è fatto nulla.
Forse adesso è il momento giusto per rispolverare la questione.

Un piano ad ampio respiro

«Avevo raccolto delle firme per poter richiedere di avviare un piano di viabilità ciclabile, non solamente per la realizzazione di una pista a Orzinuovi, che sarebbe uno spreco di denaro, bisogna ragionare ad ampio respiro - ha affermato la Giovannini - All’epoca avevamo coinvolto la Fiab e un ingegnere si era reso disponibile per realizzare il progetto sia privatamente ma anche come supporto a qualsiasi Amministrazione l’avrebbe incaricato. Avevamo parlato con Andrea Ratti che aveva firmato un documento dove prendeva l’impegno di attivare questo progetto con una sensibilità maggiore per una viabilità ciclabile su tutto il territorio. Si è cercato anche di ampliare la collaborazione con i comuni limitrofi».
E lo scopo è proprio quello: coinvolgere tutti e a trarne giovamento sarà principalmente Orzinuovi, che di piste ciclabili ne vanta proprio poche.
«Si dice che Orzinuovi sia la capitale della Bassa, per questo dovrebbe essere il centro di un collegamento non solo in città ma anche con i paesi limitrofi e le proprie frazioni: Barco e Ovanengo non hanno mezza ciclabile - ha proseguito - Sarebbe bello realizzarle anche con Villachiara, Orzivecchi e Borgo San Giacomo, verrebbe tantissima gente in bici, specialmente il venerdì che è giorno di mercato. Sarebbe un bellissimo incentivo per fruire della piazza, per gli eventi e per ripopolare il centro, aumentando sicuramente quella che è la vivibilità complessiva del territorio. Non è possibile prendere sempre l’auto per fare tre chilometri».
L’idea era nata per avere più sicurezza in città, e in questi giorni si stanno raccogliendo consensi per una nuova petizione popolare.

Leggi l'intervista completa su Manerbio Week

Necrologie