Attualità
Castrezzato

Inaugurato il bacino di laminazione nato dalla cava dismessa

Taglio del nastro sotto la neve per l’invaso realizzato dal Consorzio di bonifica Oglio Mella

Inaugurato il bacino di laminazione nato dalla cava dismessa
Attualità Bassa, 19 Gennaio 2023 ore 17:22

E' stato inaugurato questa mattina, giovedì 19 gennaio, il bacino di laminazione nato da una cava dismessa a Castrezzato. E’ la prima attuazione della legge regionale che favorisce il recupero di aree estrattive per mitigare gli effetti della crisi climatica sulle risorse idriche.

Inaugurato il bacino di laminazione nato dalla cava dismessa

Da una cava dismessa a un bacino per la difesa idrogeologica e l’irrigazione: è stato inaugurato sotto la neve l’invaso realizzato dal Consorzio di bonifica Oglio Mella. A Castrezzato, grazie all’intervento del Consorzio di bonifica Oglio Mella, una cava di ghiaia cessata presente lungo il tracciato dell’A35 è diventata un bacino per assicurare la difesa idrogeologica del territorio e per accumulare acqua necessaria all’irrigazione.

Abbiamo inaugurato la prima concreta attuazione della legge regionale 34/2017 che ha permesso la trasformazione di questa cava dismessa in un invaso con due funzioni: quella di presidio per la sicurezza idraulica territoriale, permettendo la laminazione delle piene del canale consortile Roggia Trenzana-Travagliata che gli scorre a fianco; e quella di bacino per l’accumulo d’acqua per l’uso irriguo nella stagione estiva.

ha spiegato il neopresidente del Consorzio, Renato Facchetti.

Al taglio del nastro, però, erano presenti anche gli assessori regionali all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, e al Bilancio e Finanza, Davide Caparini. Presenti anche tanti ospiti, il sindaco di Castrezzato, Giovanni Aldi (con i colleghi Marco Franzelli di Roccafranca e Simone Zanetti di Berlingo) ed altri amministratori dei Comuni limitrofi.

La scheda tecnica

Superficie di bacino: 20 mila metri quadrati.

Capacità d’invaso: 150 mila metri cubi d’acqua (75 mila riservati alla difesa dalle piene).

Canale consortile collegato: Roggia Trenzana-Travagliata. Dalla presa di derivazione tra Pontoglio e Palazzolo lungo il fiume Oglio, il canale consortile realizzato nel Trecento, giunto alla località Bargnana si divide nei due rami Trenzana e Travagliata che raggiungono i due comuni omonimi (Trenzano e Travagliato).

Area di irrigazione: Il reticolo idrico alimentato dalla Roggia Trenzana-Travagliata, nei suoi due rami, permette l’irrigazione di oltre 1.500 ettari della media pianura Bresciana.

Le foto dell'inaugurazione

20230119_bacino_castrezzato
Foto 1 di 4
IMG_20230119_112656
Foto 2 di 4
20230119_palco_inaugurazione_bacino (1)
Foto 3 di 4
inaugurazione_bacino
Foto 4 di 4
Seguici sui nostri canali
Necrologie