Attualità
un esempio da non dimenticare

Fondazione Nadia Toffa e Rotary Club Maclodio insieme per ricordare la giornalista bresciana

La raccolta fondi ha come obiettivo quello di donare agli Spedali Civili di Brescia un innovativo strumento diagnostico per l'identificazione precoce di neoplasie neurologiche in adulti e bambini.

Fondazione Nadia Toffa e Rotary Club Maclodio insieme per ricordare la giornalista bresciana
Attualità Brescia, 10 Giugno 2022 ore 09:06

A tre anni dalla sua scomparsa, il suo ricordo non si deve spegnere, così come non si può dimenticare lo spirito del suo operato.

Raccolta fondi

Per perseguire questi obiettivi la Fondazione Nadia Toffa e il Rotary Club Brescia Sud Ovest Maclodio hanno annunciato l’iniziativa DOna, in memoria della giornalista Nadia Toffa, stroncata da un tumore cerebrale nel 2019 all’età di 40 anni dopo una lunga e coraggiosa lotta contro la malattia. La raccolta fondi, strutturata su un progetto multicanale, ha l’obiettivo benefico e solidale a sostegno della diagnosi e delle cure oncologiche, da raggiungere grazie al supporto e alla solidarietà di tutti: 183 mila euro. Nel solco dell’impegno di Nadia, da sempre interprete di un giornalismo rivolto al supporto dei più fragili, le donazioni serviranno a sostenere la diagnosi precoce, accostando l’operato quotidiano degli staff medici degli Spedali Civili di Brescia. Al nosocomio verrà infatti donato un sistema innovativo per l’identificazione di neoplasie neurologiche in pazienti adulti e bambini: si tratta di un ecografo e neuronavigatore, destinato al reparto di neurologia oncologica.

"Dotarsi di un sistema innovativo che coniughi ecografo e neuronavigatore è molto importante per essere ancora più precisi nell’identificare il tumore e il resto della corteccia cerebrale durante l’operazione e nell’interconnessione con le immagini pre-operatorie - aggiunge Marco Maria Fontanella, Direttore Neurochirurgia degli Spedali Civili di Brescia -. In sostanza, per essere ancora più sicuri di asportare in modo completo il tumore preservando le funzioni cerebrali. Grazie ad un software l’ecografo può interagire con il sistema di neuronavigazione.".

Le parole della madre Margherita

"La Fondazione Nadia Toffa è nata nel 2019, poco dopo la sua scomparsa - commenta la madre di Nadia, Margherita -. Il suo obiettivo è stato quello di dare continuità al suo impegno, sostenendo le sue idee basate sull’aiuto verso ogni forma di fragilità o ingiustizia. Non abbiamo il suo sorriso, né la sua energia, ma condividiamo i suoi valori e ciò ci muove, ogni giorno. Questa iniziativa vuole rappresentare una mano tesa nei confronti dei malati oncologici, verso i quali ormai tutti sappiamo quanto la diagnosi precoce possa rappresentare lo spartiacque tra la vita e la morte. Accostiamo gli Spedali Civili di Brescia, città d’origine di Nadia, ma intendiamo accostare anche l’intera sanità nazionale con questo gesto. Ognuno, con ciò che ha o è, riteniamo che debba fare la propria parte per il bene dell’altro. Per questo auspico che, ancora una volta e come già accaduto in altre nostre iniziative precedenti, nel ricordo di Nadia, in molti aprano il loro cuore per raggiungere, insieme i 183mila euro necessari all’acquisto della strumentazione diagnostica che potrebbe salvare molte vite.".

La missione

 

"Il Rotary ha come unica missione il sostegno verso l’altro e l’impegno verso un cambiamento a beneficio della comunità - commenta Davide Frizza, Presidente del Rotary Club Brescia Sud Ovest Maclodio -. Per questo ci siamo fatti promotori insieme alla Fondazione Nadia Toffa dell’organizzazione di questa raccolta fondi: ne condividiamo la missione e l’urgenza di adoperarsi per l’altro. Supporteremo l’iniziativa in diverse modalità, a partire dalla messa a disposizione del lavoro dei professionisti rotariani che daranno vita ad una raccolta fondi innovativa e coinvolgente, proprio nel solco del lavoro di Nadia. Il suo impegno, infatti, ha saputo interpretare il giornalismo d’inchiesta in una chiave, oltre che informativa, anche empatica ed affettiva. Il suo ricordo va salvaguardato, così come la sua determinazione, per il bene di tutti e, soprattutto, per una società che, ogni giorno, sia più sicura, sana e inclusiva del giorno precedente.".

Un esempio da non dimenticare

La memoria di Nadia Toffa è ancora viva in molte personalità del mondo dell’informazione e dello spettacolo. Il suo impegno professionale per sollevare la coltre del silenzio sulle ingiustizie e a difesa dei più deboli, in ogni accezione di tale condizione, è ancora un esempio da seguire, un ricordo da rinnovare. Dare seguito alle cause che, con passione profonda, Nadia Toffa ha trattato nel suo percorso professionale. Dare impulso a progetti per la ricerca medica, la prevenzione e il sostegno ai malati. Questa la mission di Fondazione Nadia Toffa. E questo l’obiettivo anche di DOna: un regalo per Nadia che, il 10 giugno, avrebbe compiuto 43 anni.

 

La fondazione Nadia Toffa

La Fondazione Nadia Toffa nasce nel 2019 per volontà della famiglia di Nadia. Attualmente ha otto progetti attivi e oltre 1.7 milioni di follower su Facebook. Le finalità del suo operato sono quelle di promuovere la raccolta fondi da destinare alla ricerca per la cura del cancro e altre malattie, fornendo sostegno a persone bisognose e implementando progetti di sostentamento e di sviluppo in zone svantaggiate, principalmente del territorio italiano.

 

 

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie