i funerali

L’ultimo saluto di Capriolo a mamma Sara, mancata dopo un malore nella roggia

La 46enne ha lasciato tre figli e il marito. Ha avuto un malore in acqua e il suo corpo è stato trascinato via dalla corrente fino a Palazzolo. Una tragedia che ha lasciato sotto shock l'intera comunità.

L’ultimo saluto di Capriolo a mamma Sara, mancata dopo un malore nella roggia
Sebino e Franciacorta, 04 Agosto 2020 ore 10:34

In tantissimi questa mattina al funerale di Sara Picotti, la 46enne morta annegata nella roggia tra Capriolo e Palazzolo sabato pomeriggio.

L’ultimo saluto di Capriolo a mamma Sara

In tantissimi questa mattina sul sagrato della parrocchiale e in chiesa a Capriolo per porgere l’estremo saluto a mamma Sara, mancata a causa di un malore fatale mentre si trovava nella roggia che scorre in via Molinara. A causa delle disposizioni del Covid, che limita la capienza della chiesa, sono stati attivati gli altoparlanti per permettere anche a chi resta all’esterno di partecipare alla cerimonia funebre.

La donna, classe 1974 e residente in paese con la famiglia, ha lasciato il marito e i tre figli. Tantissimi, in questi giorni, i messaggi di cordoglio da parte dei compaesani. Una tragedia che ha lasciato attonita l’intera comunità, che si è stretta nel dolore attorno alla famiglia della Picotti.

Prima il malore, poi l’acqua l’ha trascinata via

Si trovava a Capriolo sabato pomeriggio, sulla sponda della Fusia, per cercare ristoro dal caldo afoso assieme alla sua famiglia: al marito e ai tre figli, il più grande di 14 anni, gli altri di 10. Poi, all’improvviso, un malore fatale l’ha colpita mentre si trovava in acqua: la corrente l’ha trascinata per diversi chilometri fino a Palazzolo,  quando il suo corpo è stato notato da un passante che ha provato a recuperarlo in attesa dei soccorsi. Per lei, purtroppo, non c’è stato più nulla da fare.

LEGGI ANCHE: Tragedia a Palazzolo: recuperato il corpo di una donna nel canale

Sul posto, oltre i soccorsi e ai Vigili del Fuoco, anche i Carabinieri che si sono occupati di ricostruire la vicenda. Inizialmente il Pm, da remoto, aveva disposto di portare il corpo della 46enne al Civile di Brescia affinché fosse effettuata l’autopsia. Tuttavia altri bagnanti presenti a Capriolo hanno testimoniato come la donna sia entrata in acqua da sola e come lì abbia accusato il malore fatale.

I parenti, vicini di casa del marito e dei figli della Picotti, hanno subito messo a disposizione un supporto psicologico e materiale, mentre l’Amministrazione si è resa disponibile a fornire assistenza psicologica qualora ce ne fosse bisogno. Una tragedia che ha lasciato tutti sotto shock.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia