Attualità
trasporto pubblico locale

Tpl, l'incontro con il consigliere provinciale delegato dopo l'interrogazione di Zobbio

A partire da febbraio, iniziando proprio dagli Amministratori della Valle Trompia, la Provincia di Brescia, in sinergia con l’Agenzia TPL, intende promuovere un’assemblea con cui avviare un confronto con i Sindaci

Tpl, l'incontro con il consigliere provinciale delegato dopo l'interrogazione di Zobbio
Attualità Brescia, 20 Gennaio 2023 ore 15:29

Tpl (Trasporto Pubblico Locale),  si è tenuto questa mattina (venerdì 20 gennaio 2023) l'incontro con il consigliere provinciale delegato dopo l'interrogazione di Zobbio.

Tpl, l'incontro

Con riferimento all’interrogazione del Consigliere Zobbio al Presidente della Provincia in tema di Trasporto Pubblico Locale nel territorio della Valle Trompia – Lumezzane, si è svolto oggi (venerdì 20 gennaio 2023), un incontro organizzato dall’Agenzia del Trasporto Pubblico Locale per approfondire le problematiche evidenziate anche a mezzo stampa.

All’incontro con il Consigliere Zobbio ha partecipato il Consigliere delegato al Trasporto Pubblico, unitamente ai Sindaci Franzoni e Apollonio (membri dell’Assemblea dei Soci dell’Agenzia del TPL in rappresentanza dei 204 Comuni non capoluogo della Provincia) oltre al Sindaco Zacchi, Vice Presidente della Stessa Agenzia. Il Presidente Gentilini e il Direttore Lazzarini, supportati dall’Arch. Gerace, hanno illustrato il quadro generale del TPL, ampiamente noto alla cittadinanza anche grazie all’attenzione fornita dagli organi di informazione a causa dei problemi relativi alla carenza di risorse-mezzi e personale.

Un contesto difficoltoso

In questo difficoltoso contesto in cui Provincia e Comune di Brescia si sono accollati ulteriori oneri per non aumentare le tariffe di viaggio, visto il perdurare delle difficoltà in capo ai Gestori nel reperimento di autisti in numero sufficiente, il Consorzio Trasporti Brescia Nord (con maggior operatore Arriva nel territorio considerato) ha richiesto e concordato con l’Agenzia, a partire dal 10 gennaio, una riduzione selettiva di corse sulle due principali linee provinciali: S-LINK 201 (Val Trompia-Lumezzane)  e S-LINK 202 (Salò-Gargnano). L’analisi della gestione del servizio rappresentata oggi ha consentito di appurare (anche dopo verifiche ispettive eseguite in loco in questi giorni) che il maggiore problema operativo si è generato nell’area di Salò e verrà sanato con il nuovo piano turni di Febbraio.

Valle Trompia - Lumezzane

Relativamente alla Valle Trompia-Lumezzane, nell’analisi della documentazione e dei rilievi degli ispettori, non sono state rilevate significative problematiche, non si sono riscontrati sovraccarichi di mezzi e i tempi di attesa, nel caso dell’annullamento programmato delle corse, si sono limitati a una decina di minuti.

“L’occasione odierna – ha dichiarato il Consigliere delegato al TPL - mi consente di richiamare la generale attenzione sui complessi problemi che stanno coinvolgendo il TPL e che non vedono la possibilità di immediata soluzione, sia perché sarebbero necessarie risorse economiche ad oggi non esistenti, sia perché, nel caso disponessimo delle risorse, saremmo in crisi con il personale e con i mezzi a causa di problematiche nazionali, non locale, accumulate nel tempo e non risolvibili, se non con scelte strutturali governative che necessiteranno di tempi non brevi per essere risolutive.”

In Provincia esistono zone in cui il livello del TPL, nel corso degli anni, è pesantemente peggiorato (la Bassa e l’Ovest in particolare) e con la ripresa della scuola il servizio non ha retto. Contemporaneamente ci sono aree della Provincia in cui il servizio è rimasto su livelli di significativa qualità.

“Nell'attuale situazione – ha continuato il Consigliere- in cui non stiamo pagando tutti gli effetti dell’inflazione che ridurrà nei prossimi anni il numero di chilometri percorribili e senza nuove risorse, è evidente che è necessario adattare la gestione cercando di garantire il servizio nella sua interezza. Nel frattempo, alla responsabilità degli Amministratori e dell’Agenzia, è richiesto che i problemi complessivi vengano affrontati con misura, cercando di trovare la migliore soluzione possibile, esattamente come è stato fatto per le problematiche della Bassa bresciana nel periodo pre-natalizio. Certamente, questo non deve comportare un’accettazione della riduzione di offerta di servizio.”

A partire da febbraio, iniziando proprio dagli Amministratori della Valle Trompia, la Provincia di Brescia, in sinergia con l’Agenzia TPL, intende promuovere un’assemblea con cui avviare un confronto con i Sindaci sulle prospettive future dell’organizzazione del servizio.

 

 

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie