Attualità
Palazzolo sull'Oglio

"Schiuma Bianca" nell'Oglio, Arpa: "Fenomeno naturale"

Le prime segnalazioni del fenomeno risalgono alla seconda metà di marzo.

"Schiuma Bianca" nell'Oglio, Arpa: "Fenomeno naturale"
Attualità Oglio, 13 Maggio 2022 ore 09:00

Un fenomeno non preoccupante, di origine naturale, principalmente ascrivibile alla bassissima portata di acqua del fiume, che sembra non essere mai stata così bassa negli scorsi anni.

A causarlo il "risalto idraulico"

Sono queste le prime conclusioni di Arpa (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale) alla quale il comune di Palazzolo ha sottoposto il caso della “schiuma bianca” che da giorni è possibile vedere sul pelo dell'acqua del fiume Oglio. Dopo aver ricevuto le evidenze (foto e campioni) raccolte dagli Uffici, il Dipartimento di Brescia di Arpa ha trasmesso la propria risposta, in cui si legge che, a causa del carico idraulico (basso) del momento, è verosimile che si tratti di un fenomeno naturale dovuto al risalto idraulico (cioè quando quando la corrente del fluido passa da una condizione veloce a una lenta) e alla conseguente turbolenza della parte superficiale del flusso. Questa determina il rimescolamento dell’acqua stessa, con la produzione della “schiuma” che si può vedere in questi giorni.

Le segnalazioni

Nello specifico, le prime segnalazioni del fenomeno – fatte anche da alcuni cittadini – risalgono alla seconda metà di marzo, e da lì gli Uffici Comunali e Arpa Brescia hanno tenuto monitorata la situazione in modo costante. Infatti, sempre a marzo, la Polizia Locale e l’Ufficio Ecologia hanno effettuato un sopralluogo congiunto sul Lungo Oglio Cesare Battisti, alla Centrale Idroelettrica Italgen S.p.a. in via Molinara e lungo il sentiero di via Molinara che dal parcheggio porta al ponte ferroviario. La relazione di sopralluogo con annessa documentazione fotografica è stata trasmessa ad Arpa – Dipartimento di Brescia. Successivamente (nella prima metà di aprile), sempre la Polizia Locale e l’Ufficio Ecologia hanno effettuato un campionamento delle acque superficiali in due punti distinti del fiume Oglio. I campioni sono stati trasportati al Dipartimento di Brescia di ARPA, con la richiesta di analisi per accertare l’eventuale presenza di inquinanti. L’esito delle analisi non è ancora stato trasmesso da Arpa, ma le prime conclusioni sembrano rassicurare. Nell’attesa la situazione verrà tenuta monitorata, in caso di cambiamenti.

3 foto Sfoglia la gallery

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie