motori

1000 Miglia 2024, un equipaggio tutto al femminile con la sindaca Castelletti

La corsa sarà un’occasione per portare Brescia e il suo patrimonio culturale attraverso i molti territori che la 1000 Miglia 2024 attraverserà, da Torino a Bologna

1000 Miglia 2024, un equipaggio tutto al femminile con la sindaca Castelletti
Pubblicato:

1000 Miglia 2024, un equipaggio tutto al femminile con la sindaca Castelletti.

1000 Miglia 2024: al via oggi da Brescia

Prenderà il via oggi (martedì 11 giugno 2024) da Brescia quella che Enzo Ferrari aveva descritto come "la corsa più bella del mondo". Anche comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei prendono parte alla 1000 Miglia 2024: eccezionalmente parteciperà anche un equipaggio al femminile, che salirà a bordo della vettura dedicata alle Ambasciatrici della cultura.

A capo del team sarà Maria Bussolati, direttrice del Museo della 1000 Miglia, che ha voluto per questa edizione una cordata dedicata alle leonesse bresciane, rappresentanti di spicco delle Istituzioni della Città, un anno dopo Brescia Bergamo Capitale della Cultura.

Un equipaggio tutto al femminile

Con lei Umberta Gnutti Beretta, imprenditrice, collezionista e consigliera di Fondazione Brescia Musei, Laura Castelletti, Sindaca di Brescia, che affiancherà Maria Bussolati da Viareggio a Roma, Angie Aron, collezionista e mecenate e Francesca Bazoli, Presidente di Fondazione Brescia Musei che percorrerà infine l’ultima tappa della gara. Un equipaggio che rispecchia perfettamente lo spirito audace, innovativo e pioneristico della storica competizione, sinonimo dell’eccellenza italiana a livello internazionale.

La corsa sarà un’occasione per portare Brescia e il suo patrimonio culturale attraverso i molti territori che la 1000 Miglia 2024 attraverserà, da Torino a Bologna. Cinque giorni per mettere in luce e raccontare il network di relazioni che le Istituzioni culturali di Brescia hanno costruito e quotidianamente intessono a beneficio della valorizzazione e promozione della cultura bresciana.

In evidenza un'immagine d'archivio.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali