Pirossina: nuove polemiche dopo il voto del consiglio regionale

Alzata di scudi delle minoranza Pd e M5S che accusano la Regione e la Lega di non fare nulla per difendere il territorio.

Pirossina: nuove polemiche dopo il voto del consiglio regionale
Montichiari, 21 Gennaio 2020 ore 19:46

Ex cava Pirossina: nuove polemiche dopo il voto del Consiglio regionale. L’area non gode più del criterio escludente, ovvero del parametro che impedisce di realizzarvi una discarica.

Pirossina: nuove polemiche dopo il voto del consiglio regionale

Il Consiglio regionale approva le linee guida già passate in Commissione Ambiente a dicembre. In sostanza, l’ex cava Pirossina al momento non gode più del criterio escludente, e cioè il parametro che impedisce di realizzarvi una discarica. Alzata di scudi delle minoranza Pd e M5S che accusano la Regione e la Lega di non fare nulla per difendere questo territorio.

LEGGI ANCHE: La Pirossina potrebbe tornare a essere una discarica grazie a Regione Lombardia

I commenti di M5S e Pd

Andrea Fiasconaro dell’M5S afferma: “Per la Pirossina potrebbe servire una nuova istruttoria da parte della Provincia e della Regione per veder riconfermato in criterio escludente.  Tutto ciò è senza senso, a mio avviso. C’è il rischio che ricominci il calvario del riconoscimento del criterio escludente. Il pericolo della discarica deve di nuovo essere allontanato con forza e categoricamente”.

Antonella Forattini del Pd commenta che “La transizione ecologica necessaria per il nostro Paese e non solo chiede scelte coraggiose, che la Regione guidata dalla Lega non è in grado di fare. È un bene che finalmente si parli di economia circolare, anche in Regione Lombardia, ma il documento voluto dalla maggioranza disattende le promesse e ha alcune ambiguità. Stesso ragionamento per la ex cava Pirossina, su cui avevamo presentato un emendamento per mantenere le zone escludenti che è stato respinto da Lega e alleati perché hanno preferito tenersi le mani libere”.

LEGGI ANCHE: Allarme Pirossina da Legambiente

Lega: “C’è attenzione a introdurre misure di salvaguardia”

Di diverso parere la consigliere leghista Alessandra Cappellari. “Sui criteri futuri, sarà il Piano in redazione a definire quali saranno i più opportuni e questo accadrà con tutta l’attenzione che occorre dare anche a situazioni territoriali specifiche come questa – ha dichiarato – Per amor di verità è bene sottolineare che l’area Pirossina di Castiglione è considerata strategica per il ricarico delle falde e nessuno ha messo in discussione la necessità di tutelare aree come questa, anzi è stato approvato ad abundantiam dalla maggioranza, grazie alla condivisione con l’assessore Cattaneo e il presidente della Commissione, il leghista Riccardo Pase, un emendamento che sottolinea la necessità di porre particolare attenzione, nell’aggiornamento dei criteri, all’introduzione di misure di salvaguardia a tutela di aree di particolare rilevante per sistema idrico, quali le aree di ricarica degli acquiferi”.

TORNA ALLA HOME PAGE

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve