incontri

"La bellezza che cura": al via dal 17 febbraio

Si tratta di una proposta culturale dedicata a particolari fasce di pubblico con fragilità

"La bellezza che cura": al via dal 17 febbraio
Pubblicato:

"La bellezza che cura": al via dal 17 febbraio.

"La bellezza che cura": al via dal 17 febbraio

Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei hanno annunciato che da sabato 17 febbraio 2024 ripartirà uno dei progetti dedicati al welfare culturale nei Musei della città, elaborato in collaborazione con il prof. Paolo Gei della Zadei Clinic, ex primario di Cardiologia riabilitativa e ora laureato in Lettere e Storia dell’Arte, e promosso dalla consigliera e presidente della Commissione Servizi alla persona e Sanità del Comune di Brescia Beatrice Nardo.

Si tratta di una proposta culturale dedicata a particolari fasce di pubblico con fragilità, “La bellezza che cura. Visite guidate a Brixia. Parco archeologico di Brescia romana, per pazienti cronici e fragili, con medico accompagnatore”, un progetto che si inserisce a pieno titolo tra le attività che Fondazione Brescia Musei rivolge ai propri pubblici per rendere il Museo un luogo inclusivo, strumento di coesione sociale, accogliente e capace di favorire l’incontro tra gli individui.

A favore della diffusione dell'arte

La consapevolezza di questa apertura e disponibilità dei Musei e che l’arte produca benefici alla salute psicofisica delle persone si è diffusa gradualmente non solo a livello nazionale, complici anche incontri di studio come quello tenutosi a Brescia e organizzato da Fondazione Brescia Musei in collaborazione con Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, nell’ambito dei talk internazionali Open Doors. Il Museo partecipativo oggi – Il Museo che fa star bene-, ma ampiamente anche a livello cittadino, come si registra dal numero crescente di associazioni che si rivolgono a Fondazione Brescia Musei per elaborare dei percorsi dedicati ai propri utenti.

Ne è conferma senza dubbio lo stesso numero di visite guidate che il prof. Gei ha totalizzato nel corso del 2023 e riservate a pazienti con cronicità, fragilità e status post acuzie in fase di stabilità clinica: 18 percorsi che hanno coinvolto quasi 200 persone, la cui partecipazione è stata ulteriormente agevolata grazie alla generosità di Generali Assicurazioni (Agenzia Brescia Castello) e del prof. Gei, che ha messo a disposizione le proprie competenze volontariamente, permettendo che il progetto fosse completamente gratuito per il pubblico.

Oltre a pazienti cardiopatici, oncologici e con fragilità o cronicità di varia natura, hanno partecipato alle visite anche numerose associazioni e istituti: Vomere di Travagliato, Nikolajewka di Brescia, Casa del tempo Comin di Milano, Cieli Vibranti di Brescia, Pro Loco Mompiano, Pro Loco Capriano del Colle, Mongolfiera di Brescia, Auser di Botticino e Natale Elli di Rezzato.

Il successo dell’edizione 2023 de La bellezza che cura ha assicurato la conferma del progetto anche nel 2024. La formula sarà la stessa: due volte al mese verrà proposto un percorso speciale, della durata di un’ora e mezza circa, per accompagnare i visitatori attraverso l’area archeologica di Brixia. Parco archeologico di Brescia romana e in alcuni punti del Museo Santa Giulia, con la guida di un curatore artistico, medico specialista.

Eventi gratis

Anche per il 2024 inoltre si conferma la gratuità dell’iniziativa, grazie al supporto di Fondazione ASM, partner di Fondazione Brescia Musei sui molti progetti che hanno come focus principale l’inclusività dei pubblici, dai portatori di disabilità sensoriali, motorie e cognitive a persone che vivono situazioni di marginalità sociale, povertà educativa, per dare a tutti la possibilità di accostarsi al mondo dell’arte, conoscere i Musei del proprio territorio, sperimentare l’arte come catarsi – cioè il raccontarsi con strumenti non convenzionali-, stimolare la creatività, favorire la socializzazione, promuovendo azioni volte ad accrescere le opportunità di socialità e cittadinanza attiva per prevenire e contrastare i fenomeni di isolamento sociale volontario, disagio adolescenziale/giovanile.

Tra le molte iniziative curate da Fondazione Brescia Musei (laboratori con i ragazzi in carico all'USSM - Ufficio Servizio Sociale per minorenni - di Brescia, workshop con gli ospiti del dormitorio della Caritas Bergamasca condotte dalla Fondazione Bernareggi, attività con bambini affetti da disturbi dello spettro autistico o che vivono in condizioni di povertà educativa, per citarne alcuni tra i più significativi) si segnala la collaborazione con ENS, Ente Nazionale Sordi di Brescia, con cui Fondazione Brescia Musei ha realizzato  specifici video in LIS in cui una narratrice sorda racconta la storia e illustra le principali opere d’arte dei Musei Civici. I video, caricati sulla guida multimediale Easyguide attiva in ogni Museo, sono visibili gratuitamente attraverso il proprio smartphone.

 

 

Informazioni: la bellezza che cura - il calendario

 

17 febbraio 204, ore 12

29 febbraio 2024, ore 16.20

16 marzo 2024, ore 12

28 marzo 2024, ore 16.20

13 aprile 2024, ore 12.20

18 aprile 2024, ore 16.20

11 maggio 2024, ore 12

23 maggio 2024. ore 16.20

Per partecipare è necessario prenotarsi via mail a cup@bresciamusei.com

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali