la decisione

Strage di Erba: respinta la richiesta di revisione del processo

I giudici hanno stabilito che gli elementi portata dalla difesa non sono prove e, per tale motivo, non può essere aperto un nuovo processo

Strage di Erba: respinta la richiesta di revisione del processo
Pubblicato:

Strage di Erba, i giudici della Corte d'Appello di Brescia hanno respinto la richiesta di revisione del processo.

Respinta la richiesta di revisione per la strage di Erba

É stata quindi confermata oggi (mercoledì 10 luglio 2024) la condanna all'ergastolo per Olindo Romano e Rosa Bazzi. In particolare i giudici hanno stabilito che gli elementi portata dalla difesa non sono prove e, per tale motivo, non può essere aperto un nuovo processo.

Una storia tragica che dal 2006 tiene incollati milioni di persone curiose di capire quali siano i veri colpevoli, se davvero Rosa e Olindo oppure no. Un clamore mediatico che non si è assopito nel tempo tanto che un gran numero di persone, tra telecamere e curiosi, si è radunato a partire dalle 6 di questa mattina davanti ai cancelli di palazzo di giustizia.

Erano due le possibilità: da un lato la Corte avrebbe potuto rigettare quanto sollevato dai difensori mettendo la parola fine alla questione (strada che di fatto è stata intrapresa); dall'altro avrebbe potuto accettare i rilievi della difesa e rinviare ad un nuovo processo.

Una vicenda terribile

L'udienza ha preso il via alle 10.07 e alle 10.12 la Corte si è ritirata in camera di consiglio.  La terribile vicenda risale all'11 dicembre 2006 a Erba (Como): in quell'occasione ad essere uccisi furono Raffaella Castagna, il piccolo Youssef Marzouk (suo figlio), la madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini.

 

 

 

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali