Cronaca
ennesima tragedia

Si tuffa per salvare il figlio, dell'uomo non si hanno più tracce

Tutto è successo nel giro di pochi istanti, il Garda conta l'ennesima vittima nel giro di un solo mese.

Si tuffa per salvare il figlio, dell'uomo non si hanno più tracce
Cronaca Garda, 22 Luglio 2022 ore 17:57

Ennesima tragedia nel lago nel pomeriggio di oggi (venerdì 22 luglio 2022), sono cinque in solo un mese.

L'allarme lanciato dalla moglie

É stata la moglie del turista inglese che si era immerso dall’unità a noleggio per soccorrere il figlio in difficoltà, a lanciare l’allarme al 112. É successo tutto in pochi secondi intorno alle 15:30 di del pomeriggio di oggi, quando il primogenito, di un nucleo familiare di quattro persone, stava facendo un bagno vicino all’unità antistante 200 metri circa dalla costa di Limone, quando visto in difficoltà è stato soccorso dal papà, che una volta salvato il figlio, probabilmente ha accusato un malore ed è scomparso nei pressi del predetto natante.

Leggi anche: "Tragedia a Limone del Garda, la vittima è Antonio Pala"

L'arrivo dei soccorsi

Ricevuta la richiesta di soccorso, la sala operativa della Guardia Costiera ha dirottato immediatamente in zona il GC B135, già in pattugliamento nelle acque del nord lago, il GC A58, con a bordo i sub del 1°Nucleo della Guardia Costiera di San Benedetto del Tronto e il gommone di spiagge sicure, che era in attività nelle acque del trentino. Giunto in zona - inviato dalla Sala Operativa dei VVF di Brescia - anche l’elicottero del 118 di Trento con a bordo i sommozzatori dei VVF di Trento. Appena arrivati nelle acque antistanti Limone i soccorritori della Guardia Costiera hanno raggiunto l’unità da diporto ed hanno cercato di acquisire dalla moglie del disperso il punto preciso da dove il malcapitato non era più riemerso.

Leggi anche: "Si cerca Alessandro Redaelli, dopo le foto postate sui social il tuffo dal quale non è più riemerso"

Ricerche anche in superficie

Individuato, si è provveduto ad avviare le ricerche di superficie, impiegando anche l’elicottero del 118, mentre, stante la notevole profondità del lago, che supera in quel tratto i 150 metri, è stato richiesto ai Vigili del Fuoco di Brescia l’impiego di sommozzatori con strumentazione di profondità e tramite la Prefettura di Brescia, l’impiego dei Volontari del Garda, muniti di ROV e robot di profondità. Al momento sono in atto le ricerche con due mezzi navali della Guardia Costiera, un mezzo navale dei Volontari dei Vigili del Fuoco di Riva del Garda e i Volontari del Garda stanno per raggiungere l’area per le ricerche di profondità.

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie