Cronaca
Garda

Ritrovato nel lago il corpo del ragazzo pakistano disperso dal mese di giugno

Rinvenuto a 42 metri di profondità e a 500 metri dalla costa.

Ritrovato nel lago il corpo del ragazzo pakistano disperso dal mese di giugno
Cronaca Garda, 31 Agosto 2022 ore 17:31

É stato ritrovato dall’Equipaggio della motobarca Vol.Ga. 2026 dei Volontari del Garda il corpo del disperso di nazionalità pakistana che il 25 giugno 2022 aveva noleggiato un pedalò sul litorale di Desenzano, quest’ultimo, poi, ritrovato alla deriva dall’idroambulanza della Croce Rossa del 118 senza nessuno a bordo.

Intensa attività di ricerca

Per diversi giorni dalla scomparsa la Sala Operativa della Guardia Costiera del Lago di Garda, aveva coordinato nel basso lago le ricerche di superficie e di profondità svolte dai mezzi navali della stessa Guardia Costiera, dei Vigili del Fuoco, della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato. Impiegati anche elicotteri dei Vigili del Fuoco e della Guardia Costiera, nonché eseguite ricerche sui fondali mediante i sommozzatori dei Vigili del Fuoco e strumentali, con sonar e rov dei Volontari del Garda. Le medesime attività di ricerca, svolte ininterrottamente nei giorni a seguire la scomparsa, pur avendo più volte coperto le aree di superficie e di profondità definite e assegnate dalla Guardia Costiera ai mezzi di soccorso impiegati, non avevano consentito, però, il ritrovamento del disperso. Le  ricerche di superficie non sono state sospese, ma fatte rientrare nelle normali attività di vigilanza giornaliera svolte in maniera costante dei mezzi navali SAR nel basso lago, mentre per quelle di profondità, nelle attività di addestramento che rutinariamente vengono eseguite dai Volontari del Garda.

Attività di addestramento

Proprio in questo ambito i Volontari del Garda, durante un’attività addestrativa, finalizzata a testare le nuove e più performanti apparecchiature di profondità in loro dotazione, nel mentre stavano eseguendo una ricerca sul fondale rientrante nell’area indicata dalla Guardia Costiera, quale quella di possibile ritrovamento del disperso, hanno trovato su un fondale di 42 mt a circa 500 mt dalla costa il corpo di una persona riversa sul fondale antistante il litorale di Desenzano.

Il ritrovamento

Avvisata nell’immediato la Sala Operativa della Guardia Costiera, quest’ultima ha disposto l’invio in area del dipendente GC A58 per coordinare le attività di recupero della salma, che su autorizzazione del P.M. di turno della Procura della Repubblica di Brescia, è stato preso a bordo della Volga 2026 per poi essere sbarcato, sotto la supervisione dei guardiacoste presenti alle operazioni, nel porto di Barbarano di Salò ed essere trasferito presso l’obitorio del nosocomio di Brescia a disposizione dell’A.G..A seguito dell’ispezione cadaverica eseguita dal Medico Legale e a successive attività di accertamento svolte dalla Guardia Costiera, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Brescia, il corpo della persona recuperata è stato riconosciuto essere quello del disperso di nazionalità pakistana e liberato dall’Autorità Giudiziaria per la restituzione della salma ai familiari. Fondamentali sono risultate anche le attività di polizia giudiziaria svolte, al momento della scomparsa, dai Carabinieri di Desenzano e dalla Polizia Locale, che acquisirono nell’immediato importanti elementi per risalire all’identità del disperso.​

FOTO 1
Foto 1 di 3
FOTO 2
Foto 2 di 3
FOTO 3
Foto 3 di 3
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie