La Regione fa la conta dei danni dopo la tempesta

Venerdì l'assessore Rolfi incontrerà gli amministratori

La Regione fa la conta dei danni dopo la tempesta
06 Maggio 2019 ore 19:12

Dopo la tempesta di ieri che ha devastato la zona del Garda, della Bassa monteclarense e dell'Alto mantovano la Regione ha iniziato la conta dei danni. E venerdì si terrà un summit per valutare gli interventi

La tempesta

"Regione Lombardia monitora costantemente la situazione nelle zone maggiormente colpite dal maltempo delle ultime ore". La comunicazione è arrivata dall'assessore regionale al Territorio e Protezione civile Fabio Rolfi, facendo il punto della situazione dopo i gravi disagi che si sono registrati domenica. "Ringrazio tutto il sistema della Protezione civile lombardo che, ancora una volta, si è dimostrato efficiente ed efficace, intervenendo tempestivamente - ha aggiunto l'assessore - Da parte nostra stiamo garantendo piena disponibilità a collaborare con le Amministrazionicomunali, offrendo loro tutti i supporti tecnici e l'assistenza necessaria".

La conta dei danni

In provincia di Brescia, i danni più rilevanti si sono verificati a Calcinato, dove sono intervenuti anche i paracadutisti per rimuovere alberi abbattuti dal vento, a Sirmione e Desenzano, per significativi allagamenti diffusi in varie aree comunali, e a Lonato, dove il maltempo ha causato lo scoperchiamento del palazzetto dello Sport.  In provincia di Mantova, a Marmirolo (frazione Pozzolo), cinque pescatori sono finiti con l'auto nel fiume Mincio nei pressi di Pozzolo. Tratti in salvo 4 degli occupanti, mentre una persona risulta ancora dispersa. A Castiglione delle Stiviere, infine, è stata segnalata la caduta di alcuni alberi.  Gli Uffici Territoriali Regionali sono in attesa di ricevere le 'schede RASDA (RAccolta Schede DAnni)' per effettuare una stima dei danni.

L'incontro

"Attendiamo la stima dei danni e poi valuteremo eventuali richieste di ristoro - ha aggiunto l'assessore all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi - Venerdì mi recherò nelle zone del Garda colpite, per incontrare
gli amministratori e pianificare insieme gli interventi più opportuni. Nel frattempo ringrazio la Prefettura di Brescia e tutti i volontari che si sono attivati con grande celerità. La collaborazione istituzionale è stata essenziale per affrontare i momenti più difficili".

TORNA ALLA HOME PAGE 

Necrologie