le sue parole

Fratelli d'Italia e la raccolta firme per un presidio fisso della Locale in piazza Vittoria: la replica della sindaca Castelletti

"Quella di Fratelli d’Italia è una iniziativa strumentale, rivolta volutamente a chi non ha le competenze e gli strumenti per metterla in atto"

Fratelli d'Italia e la raccolta firme per un presidio fisso della Locale in piazza Vittoria: la replica della sindaca Castelletti
Pubblicato:

Fratelli d'Italia e la raccolta firme per un presidio fisso della Locale in piazza Vittoria a Brescia.

Fratelli d'Italia e la raccolta firme: interviene la sindaca Laura Castelletti

Ad intervenire sulla questione la sindaca di Brescia Laura Castelletti.

 

"Leggo con stupore le proposte avanzate dal gruppo consiliare di Fratelli d’Italia, che ha lanciato una raccolta firme per chiedere un presidio fisso della polizia Locale in piazza Vittoria. Ero convinta che alcuni concetti basilari fossero ormai chiari a chi siede in Consiglio comunale, ma evidentemente è necessario ribadirli. Non sono il sindaco e la Giunta ad avere le redini in tema di pubblica sicurezza, questo è un compito che svolgono la Prefettura e la Questura, che presiedono il Comitato per l’ordine e la sicurezza, prendendo le decisioni strategiche, coordinando le forze dell’ordine e monitorando anche questa questione con costanza e puntualità. Il Comune, che siede a quel tavolo se convocato, è sempre pronto a fare la propria parte con la Locale, quando necessario".

"Un'iniziativa strumentale"

Ha poi continuato:

"Quella di Fratelli d’Italia è una iniziativa strumentale, rivolta volutamente a chi non ha le competenze e gli strumenti per metterla in atto. In questo modo, inoltre, per creare una polemica inutile, si ingannano i cittadini, a cui si chiede di firmare una petizione che non può avere alcun seguito, perché indirizzata alla persona sbagliata. Se i consiglieri ritengono che ci siano altre problematiche da risolvere, si rivolgano alla Prefettura o alla Questura, oppure, visto che fanno parte della maggioranza che governa il Paese, vadano direttamente dal ministro leghista Piantedosi, chiedendo più uomini e risorse per il nostro territorio, dato che la carenza d’organico nelle forze dell’ordine è stata più volte sottolineata dai vertici locali. Per quanto riguarda il Daspo, inoltre, il Questore ha a disposizione questo strumento, che infatti ha già utilizzato in piazza Vittoria. Come i consiglieri sanno, infine, è in programma una revisione del Regolamento di polizia Urbana, che seguirà il normale iter amministrativo".

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali