CORONAVIRUS

Brescia e i suoi confini: anche il Veneto tra l’arancione e il rosso

Nelle prossime ore una decisione su nuove zone rosse e arancioni

Brescia e i suoi confini: anche il Veneto tra l’arancione e il rosso
Brescia, 11 Novembre 2020 ore 08:35

Brescia e i suoi confini: anche il Veneto tra l’arancione e il rosso.

La lotta contro il virus

Prosegue la lotta contro il coronavirus e con essa le misure anti-contagio messe in campo dal Governo ed in particolare dal Ministero per la Salute presieduto da Roberto Speranza. La situazione va aggravandosi in virtù degli ultimi dati elaborati dalle regioni e già nella giornata di oggi – mercoledì 11 novembre – potrebbe arrivare una nuova stretta che vede nel Veneto e nella Campania due regioni seriamente candidate al “cambio di colore”: dall’attuale giallo che significa restrizioni minime all’arancione o addirittura al rosso di un lockdown soft come quello che sta attraversando Brescia (e tutta la Lombardia) dallo scorso venerdì 6 novembre. Entrambe erano riuscite a sfuggire sia alla prima stretta, sia all’aggiornamento di lunedì, ma il virus corre veloce e la nuova stretta è ormai prossima.

Dati non incoraggianti

I dati, come detto, non sono incoraggianti e tra oggi e venerdì 13 novembre arriveranno sicuramente provvedimenti restrittivi che potrebbero “omologare” il colore di Lombardia e Veneto, che confinano e condividono il bacino del lago di Garda.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia