grave incidente

Ancora in prognosi riservata il bimbo finito nella roggia ieri con il nonno

Il 68enne ha perso il controllo del mezzo a quattro ruote e insieme al nipote è finito fuori strada. Entrambi sono rimasti schiacciati dal quadriciclo.

Ancora in prognosi riservata il bimbo finito nella roggia ieri con il nonno
Bassa, 13 Agosto 2020 ore 16:47

Sono stati entrambi ricoverati in gravi condizioni, il nipote di 8 anni al Civile pediatrico e il nonno di 68 in Poliambulanza. Sono rimasti schiacciati dal quadriciclo costruito artigianalmente e su cui stavano viaggiando lungo una traversa di via Calvisano.

Ancora in prognosi riservata il bimbo finito nella roggia col nonno

L’incidente è avvenuto ieri, mercoledì, alle 16 circa in una traversa di via Calvisano a Leno. Nonno e nipote stavano viaggiando in sella a una sorta di veicolo a quattro ruote realizzato artigianalmente con pezzi di altri mezzi quando hanno perso il controllo e sono usciti di strada, finendo ribaltati nella roggia che corre su un fianco della carreggiata.

La chiamata ai soccorsi è scattata in codice rosso per via delle gravi lesioni riportate dal 68enne e dal nipote di 8 anni, trasportato d’urgenza al Civile pediatrico in elisoccorso. Per rimuovere il mezzo sono intervenuti i Vigili del fuoco, mentre la Polizia Locale intrcomunale di Leno si è occupata dei rilievi del caso e sta procedendo con le indagini.

Nonno e nipote viaggiavano in strada in sella a un mezzo non immatricolato, sprovvisto delle dotazioni di sicurezza e senza casco. Chi guidava dovrà quindi rispondere delle violazioni al Codice della strada in sede amministrativa, ma non solo. Vista la gravità delle lesioni (per il piccolo, nonostante la prognosi sia ancora riservata, si parla di più di 40 giorni, mentre per il 68enne, che ha riportato fratture multiple, di 35 giorni circa) gli agenti hanno dovuto informare la magistratura, che sta eseguendo gli accertamenti del caso per lesioni stradali.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia