Attualità
Risorse

Via Veneto, contributi a favore delle Mpmi nella zona interessata dai lavori

Diversificata l'erogazione del contributo

Via Veneto, contributi a favore delle Mpmi nella zona interessata dai lavori
Attualità Brescia, 29 Dicembre 2022 ore 12:26

Via Veneto a Brescia, contributi a favore delle Mpmi nella zona interessata dai lavori di riqualificazione.

Via Veneto, 44 le domande presentate

Sono state 44 le domande di contributo presentate per l’avviso pubblico dello scorso novembre a favore delle Mpmi (medie, piccole e micro imprese) del settore commercio (escluso commercio all’ingrosso e online), della ristorazione, dell’artigianato e dei servizi destinati alla vendita nel perimetro interessato dai lavori di riqualificazione di via Vittorio Veneto. Sono risultate ammissibili e finanziabili 36 richieste mentre cinque non sono risultate ammissibili perché presentate in forma non conforme ai requisiti del bando. Infine, tre domande sono state presentate dagli stessi richiedenti in forma doppia (con riferimento a un’unica unità). Agli aventi diritto sono stati assegnati 2.500 euro a fondo perduto. Sono stati quindi riconosciuti contributi per 90mila euro a fronte di uno stanziamento di 200mila euro, approvato dalla Giunta comunale in fase di variazione di bilancio (anno 2022).

Le zone interessate

Il provvedimento ha riguardato via Vittorio Veneto dai civici 2-94 e 3-109; via Salvo D’Acquisto dai civici 2-16 e 1-15; via Montegrappa dai civici 12-24C e 7c-25b; via Monte Nero dai civici 11-31 e 10-40; via Niccolò Tommaseo dai civici 31-49 e 20-70; via Monte Ortigara dai civici 69-85 e 46-86; via Gabriele Rossetti dai civici 13-29 e 32-46; via Pasubio dai civici 1-17 e 2-16; via Ludovico Pavoni dai civici 13-25 e 16-40; via Monte Santo dai civici 1-11 e 4-16.

L’erogazione del contributo è stata diversificata prendendo in considerazione:

-       la riduzione dell’accessibilità per i veicoli (istituzione di sensi unici, deviazioni dei percorsi, divieti di accesso e sosta);

-       la riduzione dell’accessibilità pedonale causata dalla presenza del cantiere in corrispondenza dell’attività commerciale;

-       la riduzione della visibilità dell’attività commerciale causata dalla presenza del cantiere in corrispondenza delle attività commerciali.

 

Riconoscimento di contributi a favore delle Mpmi nella zona interessata dai lavori di riqualificazione di via X giornate

Sono risultate tutte ammissibili e finanziabili le 33 domande di contributo presentate per l’avviso pubblico dello scorso ottobre a favore delle Mpmi (medie, piccole e micro imprese) del settore commercio (escluso commercio all’ingrosso e online), della ristorazione, dell’artigianato e dei servizi destinati alla vendita nel perimetro interessato dai lavori di riqualificazione di via X Giornate.

Sono stati riconosciuti contributi a fondo perduto in base al differente grado d’interferenza dei cantieri. A ogni singola impresa di via X Giornate è stato assegnato un contributo di duemila euro mentre per ogni singola impresa di via Trieste (da piazza Paolo VI a via X Giornate), via Bevilacqua (da piazza Paolo VI a via X Giornate), Galleria Duomo, via della Posta e via IV Novembre il contributo è stato pari a mille euro. Sono stati stanziati 70mila euro in spesa corrente e sono stati riconosciuti contributi per 59mila euro. Le risorse provengono da uno stanziamento approvato dalla Giunta comunale in fase di variazione di bilancio (anno 2022).

A oggi sono già state liquidate 27 domande mentre sei risultano in corso di liquidazione.

La zona interessata dal provvedimento riguarda via X Giornate, via Trieste (da piazza Paolo VI a via X Giornate), via Bevilacqua (da piazza Paolo VI a via X Giornate), Galleria Duomo, via della Posta e via IV Novembre.

L’erogazione del contributo è stata diversificata prendendo in considerazione:

-       l’interferenza diretta del cantiere data dalla considerevole limitazione della visibilità delle vetrine causata dalla presenza di recinzioni di fronte all’ingresso delle attività, dalle limitazioni della viabilità, dai rumori e dai disagi causati dal frequente passaggio dei mezzi di cantiere e dall’interdizione al regolare svolgimento delle attività di carico e scarico;

-       l’interferenza indiretta data dalla parziale limitazione della visibilità delle vetrine causata dalla presenza di recinzioni in un area non prospicente l’ingresso delle attività, dall’interdizione al regolare svolgimento delle attività di carico e scarico e dalle limitazioni all’esercizio dell’occupazione di suolo pubblico autorizzato.

 

 

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie