Garda

Quando Sandra Milo "accese" Lonato: il ricordo

Qui la Milo era arrivata all’epoca del suo show, molto seguito, e molto imitato, «Piccoli Fans», una sorta di talent ante litteram

Quando Sandra Milo "accese" Lonato: il ricordo
Pubblicato:

Sandra Milo, attrice e volto noto della televisione italiana, ci ha lasciato. Un’attrice che, vittima del suo stesso personaggio, era ormai diventata una macchietta. Complice anche un certo modo di fare Tv, chiamato giustamente spazzatura, che ha puntato con piacere l’indice contro personaggi che non sono stati sempre e solo capaci di sguazzare nel guano, ma sono rimasti umani, troppo e solo umani.

Quando Sandra Milo "Accese" Lonato

La Milo, però, è legata anche al territorio di Lonato del Garda, non solo per il Lago di Garda, località che negli anni l’ha vista spesso e volentieri compiere vacanze e villeggiatura, come si addice più al suo personaggio, ma perché negli anni ‘90 era stata alla maxi discoteca Genux. Qui la Milo era arrivata all’epoca del suo show, molto seguito, e molto imitato, «Piccoli Fans», una sorta di talent ante litteram, che consisteva nel girare il territorio, sul modello vincente del Karaoke di Fiorello, e trovare talenti, soprattutto nel mondo dei piccoli. E così Lonato del Garda e Castiglione delle Stiviere, si erano trovati ancora una volta proprio sul territorio che, in questi mesi, è oggetto del contendere per il Polo Logistico.

Il ricordo

In quell’occasione, però, il clima era diverso, e ragazzi e ragazze di Lonato del Garda, con coetanei e coetanee castiglionesi, oltre che di Desenzano del Garda, si erano dati appuntamento alla maxi discoteca per partecipare a questa manifestazione presentata da Sandra Milo. Il periodo di questo evento, nei ricordi di alcune donne che, al tempo ragazze, oggi hanno ritrovato quelle foto, sembra essere quello del carnevale, ma la certezza non c’è, dato che è passato molto tempo. In ogni caso, i ricordi sono legati ad un’esibizione di danza, in particolar modo di danze che, oggi, si definirebbero etniche, o comunque di tradizione di altri Paesi. Danza russa, ricordano alcune delle protagoniste; «New York New York», e dunque danza di modern jazz, e «Fata confetto» dallo Schiaccianoci, quindi danza classica. Per quanto riguarda l’esibizione delle ballerine castiglionesi, le coreografie erano di Maria Luana Resmini, maestra di danza fra le più note del comune morenico, e fondatrice del «Balletto Città di Castiglione». Al termine della manifestazione, tutte le ballerine sono state premiate con una medaglietta, direttamente da Sandra Milo. Un bel ricordo che riemerge ora, dal passato, dopo la notizia della morte dell’attrice.

Una discoteca che ha fatto epoca

È anche l’occasione, per molti, sui social, per ricordare i fasti del Genux, discoteca che aveva ospitato concerti speciali, fra i quali gli 883, i Nomadi, ma anche James Brown, e nel piazzale anche il live show di Jeff Beck. Una discoteca, il Genux, che era luogo di grandi eventi, ma anche location ideale per trasmissioni come quella con la Milo. Nella pagina Facebook del Genux, da tempo si raccoglie questo materiale, e sono molte le testimonianze che sono arrivate, che ricordano con piacere quell’evento che aveva portato al Genux molte persone.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali