Attualità
targa commemorativa

Professor Luigi Fabrizio Rodella, intitolato a lui il Settorato Anatomico all'Unibs

Questa mattina la cerimonia di svelamento della targa

Professor Luigi Fabrizio Rodella, intitolato a lui il Settorato Anatomico all'Unibs
Attualità Brescia, 18 Gennaio 2023 ore 14:34

In memoria del professor Luigi Fabrizio Rodella, a lui intitolato il Settorato Anatomico del Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali dell’Università degli Studi di Brescia, scomparso il 21 settembre 2020.

In memoria del professor Luigi Fabrizio Rodella

Alla cerimonia di svelamento della targa commemorativa, questa mattina (mercoledì 18 gennaio 2023) nel seminterrato della Facoltà di Medicina e Chirurgia in viale Europa 11, hanno partecipato il Rettore Prof. Francesco Castelli, la Delegata alla Edilizia Universitaria e Campus sostenibile Prof.ssa Ivana Passamani, il Direttore del Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali Prof. Maurizio Castellano e la Prof.ssa Rita Rezzani, Responsabile del Settorato e Responsabile della Sezione di Anatomia e Fisiopatologia.

La prima in Italia

Il Settorato Anatomico, fortemente voluto dal Prof. Rodella e dalla Prof.ssa Rezzani, ha visto l'Università di Brescia tra le prime in Italia a riprendere sistematicamente l’attività dissettoria. Si tratta di un’area esercitativa presente dal 2001 e completamente rinnovata nel 2018 con strutture tecnologicamente all’avanguardia, nella quale si svolgono: lezioni pratiche ed esercitazioni di anatomia rivolte prevalentemente agli studenti dei Corsi di Studio in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria e ai medici iscritti alle Scuole di Specializzazione; corsi di Dissezione, di Anatomia Chirurgica e di Anatomia Endoscopica; attività di ricerca nell’ambito dell’anatomia macroscopica.

«Il Settorato Anatomico - dichiara la Responsabile del Settorato e della Sezione di Anatomia e Fisiopatologia Prof.ssa Rita Rezzani - è diventato Centro di riferimento per la conservazione e l’utilizzazione dei corpi dei defunti del Nostro Ateneo a partire dal 2021; questo importante riconoscimento ottenuto da parte del Ministero della Salute, voluto da Tutti e dal Prof. Rodella in primis, sottolinea a livello Nazionale l'eccellenza e l'importanza della dissezione anatomica in tutti gli ambiti medici e non solo. Abbiamo, infatti, anche l'Accademia Di Belle Arti Di Brescia Santa Giulia che frequenta il nostro Settorato e ovvio tutti gli Specialisti in altri ambiti».

Un'eredità grandissima

Il Professor Luigi Fabrizio Rodella, laureato in Scienze Biologiche ed in Medicina e Chirurgia con Specializzazione in Patologia Generale, era Presidente del Corso di laurea in Medicina e Chirurgia. Il Professor Rodella ha iniziato la sua carriera presso l’Università degli Studi di Pavia e la sua attività scientifica come tirocinante presso l'Istituto di Anatomia Comparata della stessa Università, dove ha appreso le tradizionali tecniche dell'indagine morfologica ed acquisito una specifica competenza anatomica. Già in quel lontano 1984 aveva dimostrato di essere un giovane forte e deciso alla ricerca di una verità che lo ha portato ad accettare con coscienza e lucidità tutte le vicende della vita. Questa sua sete di sapere, il suo spirito creativo ed il profondo interesse per la storia lo avevano subito indotto a frequentare con assiduità i laboratori ed il Museo di Storia Naturale dello stesso Istituto. La sua passione per l’anatomia è, quindi, nata proprio tra quelle mura ed è proseguita e terminata prematuramente presso l’Università degli Studi di Brescia alla quale ha dato i sui anni, giorni e notti migliori. Convinto che le conoscenze scientifiche siano la base per un futuro migliore e che anche il settore scientifico a cui apparteneva poteva essere l’emblema di questo, lascia un'eredità di grandissimo valore alla comunità scientifica ed istituzionale. Ha insegnato che tutti sono capaci con forza e dedizione di raggiungere grandi obiettivi e posizioni eccellenti, per poter fare qualcosa di grande per gli altri. Le sue capacità umane e scientifiche, innate ed acquisite, lo hanno reso un grande Maestro, che la nostra comunità additerà alle future generazioni.

Seguici sui nostri canali
Necrologie