MONTIRONE

Montirone, la maggioranza dimissionaria prende posizione

Gli ex consiglieri hanno indirizzato una lettera aperta ai cittadini in risposta alle parole dell'ex membro dell'opposizione Fratti e alla corsa alla carica di Stucchi, il sindaco caduto.

Montirone, la maggioranza dimissionaria prende posizione
Attualità Bassa, 22 Maggio 2021 ore 12:18

"Cari montironesi. È ormai passato più di un mese dallo scioglimento del consiglio comunale ma, come avete potuto vedere e leggere, la corsa alla carica di sindaco non si è mai fermata." Così gli ex consiglieri di maggioranza Alessandro Castellini, Gianclair Corazzina, Marco Pedoia, Noemi Pegoiani, Andrea Silvestri e Filippo Spagnoli hanno aperto la lettera indirizzata a tutti i cittadini in risposta alle parole dell'ex membro dell'opposizione Pietro Fratti, che in un intervista pubblicata sul Manerbioweek di venerdì 21 maggio ha parlato di "poco confronto", ma anche di "una maggioranza priva di esperienza amministrativa ha amplificato ulteriormente il potere del primo cittadino".

Montirone, la maggioranza dimissionaria prende posizione

La terra a Montirone continua a tremare. Prima le dimissioni in massa dei consiglieri, che un mese fa avevano causato la caduta del sindaco Eugenio Stucchi. Poi la decisione dell'ex primo cittadino di ricandidarsi e infine le parole taglienti di Fratti, ex volto dell'opposizione, che aveva criticato l'operato del sindaco e della sua squadra. La quale non ci sta e ha snocciolato tutte le questioni in una lettera rivolta a cittadini

La lettera

"Da una parte c’è chi ha dimenticato, o forse mai compreso, che la politica non è un fatto personale e un’ossessione, ma una missione; dall’altra c’è chi si è dimesso da consigliere comunale “per lasciare posto ai giovani” ed ora cerca di rimettersi in gioco perché vede la concreta possibilità di concorrere alla carica più alta autoproclamandosi candidato sindaco di una lista che guarderà al bene del paese e c’è anche chi, non mettendoci la faccia, critica un evento internazionale che è stato fortemente voluto dagli “inesperti” perché troppo costoso omettendo che la tappa delle Mille Miglia a Montirone verrà finanziata per più della metà da sponsor di aziende private.
Probabilmente non si trova gente nuova perché il livello raggiunto, basato solamente sui nomi, non invoglia nessuno a mettersi a disposizione e perché, ad occupare le posizioni o a dettare la linea, sono sempre i soliti.
Non giudichiamo, a differenza di altri, l’operato da questi svolto, rispettiamo e ammiriamo le visioni differenti ma non accettiamo lezioni o suggerimenti da chi si mette a disposizione del paese solo al momento delle elezioni per poi fare un passo indietro una volta che le elezioni non li vedono vincitori.
Guardiamo alle prossime votazioni con assoluta serenità, non abbiamo l’ansia di doverci ripresentare né l’ossessione di dover, a tutti i costi, riottenere un nuovo mandato: abbiamo dimostrato di non essere in alcun modo attaccati alle poltrone lasciando con assoluta serenità il nostro posto in giunta.
Consapevoli di aver difeso il territorio fino all’ultimo giorno, consapevoli di aver dimostrato che anche chi è inesperto ed ha a cuore il bene del paese può dare il suo contributo, prendiamo le distanze da questo modo di fare politica basato sulla mera rincorsa alla carica di sindaco e non su cosa si deve fare per migliorare il nostro paese".

 

Necrologie