Bresciani a Sanremo

Roberta Pompa del gruppo pop Le Deva al Festival di Sanremo con Orietta Berti

Il gruppo tutto al femminile accompagnerà la signora della musica leggera italiana in gara con "Quando ti sei innamorato" nella serata dei duetti esibendosi in "Io che amo solo te" di Sergio Endrigo.

Roberta Pompa del gruppo pop Le Deva al Festival di Sanremo con Orietta Berti
Spettacoli Brescia, 03 Marzo 2021 ore 17:11

Si esibiranno nella serata di domani (giovedì 4 marzo), dedicata alla Canzone d'autore, Le Deva, il gruppo pop tutto al femminile che vede al suo interno anche la bresciana Roberta Pompa.

Un'esibizione tutta al femminile

Quattro donne, quattro storie, quattro personalità: Le Deva, il gruppo pop tutto al femminile formato da Laura Bono, Greta Manuzi, Roberta Pompa e Verdiana Zangaro, domani saranno ospiti al 71esimo Festival di Sanremo, nella serata dedicata alla Canzone d'autore, in duetto con Orietta Berti. Per l’occasione interpreteranno il brano Io Che Amo Solo Te di Sergio Endrigo, con l’orchestra diretta dal maestro Enzo Campagnoli.

Per la prima volta insieme a Sanremo (Laura Bono aveva già partecipato al Festival nel 2005 vincendo nella sezione "Giovani" e Verdiana Zangaro nel 2003, classificandosi quarta nella sezione "Giovani"), Le Deva porteranno sul palco dell’Ariston il loro “girl power”, rappresentando al fianco della “signora della musica leggera italiana” la potenza transgenerazionale della femminilità, in ogni sua declinazione e sfaccettatura.

Crederci sempre

Arrivare a cantare su quel palco è un sogno che si realizza, per me – dichiara Roberta Pompa – mi viene quasi da darmi una pacca sulla spalla e dirmi che sono stata brava, nonostante i momenti di sconforto, a crederci sempre e non mollare mai.

Festival di Sanremo 2021
Roberta Pompa (Photo Credit Marco Piraccini)

Un'emozione unica

Torno a Sanremo dopo 15 anni in un ruolo completamente diverso: non più da sola ma insieme alle mie compagne di avventura e ospite di un’artista leggendaria come Orietta Berti – afferma Laura Bono – Nonostante non saremo in gara e non ci sarà il pubblico davanti a noi, salire su quel palco ed esibirsi davanti a milioni di telespettatori sarà un’emozione grandissima.

Festival di Sanremo 2021
Laura Bono (Photo Credit Marco Piraccini)

A Sanremo per la prima volta...da maggiorenne

Questo sarà il mio Sanremo da maggiorenne, perché quando ho partecipato nel 2003 non avevo neanche 18 anni – commenta Verdiana Zangaro – Ho sempre sognato di poter tornare al Festival con una consapevolezza diversa, e viverlo da ospite e con altre persone, nonché amiche, al mio fianco sarà un modo per farsi forza a vicenda portando sul palco l’idea dell’unione fra donne di generazioni diverse, capaci di fare rete tra di loro.

Festival di Sanremo 2021
Verdiana Zangaro (Photo Credit Marco Piraccini)

Un sogno che si realizza

Seguo Sanremo fin da piccola – prosegue Greta Manuzi – a casa ho tantissime cassette con le registrazioni dei Festival e pensare di poter essere anch’io finalmente lì, per la prima volta, è un’emozione indescrivibile.

Festival di Sanremo 2021
Greta Manuzi (Photo Credit Marco Piraccini)

Un sodalizio generazionale

L’idea di creare un sodalizio generazionale come quello che unisce Le Deva e Orietta Berti, nasce dall’amicizia tra Pasquale Mammaro, manager storico della cantante romagnola, e Marco Rettani, da sempre figura guida del quartetto femminile, nonché uno degli autori dell’inedito che Orietta Berti presenterà al Festival di Sanremo, Quando ti sei innamorato.

«Abbiamo incontrato Orietta per la prima volta quest’anno, in studio di registrazione – raccontano Le Deva – Ci ha accolte subito con grande affetto e poco dopo abbiamo iniziato a mangiare tutte insieme. Ci ha dato tanti consigli per affrontare al meglio il palco, ma abbiamo anche parlato di diete - hanno confessato ridendo - : ci ha svelato il suo segreto per arrivare in forma al Festival, la “dieta delle vacche rosse”! Orietta è una grande artista ma anche una grande donna, è riuscita a conservarsi intatta nel tempo. Siamo onorate di fare questo importante passo insieme a lei e speriamo di riuscire anche noi a conservarci nel tempo con la sua autenticità, umana e professionale».

Da sempre vicine a tematiche significative a favore della parità tra sessi, generi, etnie e impegnate a sostenere il diritto di ogni essere umano alla propria autodeterminazione, Le Deva interpreteranno uno dei brani più emozionanti di Sergio Endrigo, portando avanti un messaggio d’amore universale e totalizzante, che rispecchia al meglio lo spirito e l’animo del gruppo. Band che si distingue per legare ad ogni propria espressione artistica contenuti sociali, Le Deva non useranno solo le loro voci per comunicare, ma anche il proprio corpo. Attraverso gli abiti che indosseranno, firmati Genny, porteranno infatti sul palco dell’Ariston un messaggio di body positivity.

Le Deva spopolano su Spotify e YouTube

Il gruppo pop tutto al rosa con il primo singolo "L'amore merita" disco d'oro hanno raggiunto i 3,8 milioni di ascolti su Spotify, 13 milioni di visualizzazioni su YouTube, sono l’unico quartetto pop tutto al femminile del panorama discografico italiano. Il nome del gruppo fa riferimento a “I Deva”, spiriti della natura appartenenti alla mitologia di diverse culture e in particolare a quelli dei quattro elementi (fuoco, acqua, terra, aria) che sembrano descrivere perfettamente le quattro personalità delle artiste. Nel loro primo album “4”, pubblicato nell’ottobre 2017, i loro background artistici e le loro singole voci hanno saputo combinarsi e completarsi, senza mai sovrapporsi. Il disco esordisce al quarto posto della classifica degli album più venduti di FIMI/GfK Italia, al decimo posto di quella dei vinili e al secondo posto nella classifica generale album di iTunes. Negli ultimi tre anni hanno pubblicato quattro singoli: L’Estate tutto l’anno, che viene presentato sul palco dei Wind Summer Festival 2018 in diretta su Canale5, Shangai e A.I.U.T.O. nel 2019, e il più recente Brillare da Sola nell’ottobre 2020. Per i testi dei loro brani hanno collaborato con artisti come Zibba, Tony Maiello, Marco Rettani, Antonio Maggio, Andrea Amati, Stefano Paviani, Alessio Caraturo, Nicolas Bonazzi e Luca Sala.

Necrologie