Tempo libero
Concorso fotografico

"Fotografiamo il futuro. Obiettivo sull'edilizia", le premiazioni al Futura Expo 2022

L’iniziativa lanciata da Ance Brescia è stata accolta positivamente dal pubblico, registrando alla chiusura avvenuta a fine agosto 260 iscrizioni per un totale di circa un migliaio di opere candidate.

"Fotografiamo il futuro. Obiettivo sull'edilizia", le premiazioni al Futura Expo 2022
Tempo libero Brescia, 03 Ottobre 2022 ore 09:37

"Fotografiamo il futuro. Obiettivo sull'edilizia", ieri domenica 2 ottobre 2022 si sono tenute le premiazioni.

 

Sei le opere vincitrici

Sul palco di Futura Expo 2022 Ance Brescia ha premiato i vincitori del primo concorso fotografico  ideato dalla rivista “Costruire il futuro”, organizzato da Ance Brescia con il patrocinio del Comune di Brescia. La cerimonia svolta nell’ambito del convegno organizzato dall’associazione dei costruttori edili ha premiato le sei opere vincitrici, ospitando i rispettivi fotografi, selezionati fra le numerose candidature giunte da ogni regione d’Italia.

Agli autori è stato consegnato un compenso in buoni sino a tremila euro per l’acquisto di attrezzature fotografiche professionali. Mentre gli scatti saranno i protagonisti delle prossime copertine di “Costruire il futuro 2023” ed esposti in una mostra dedicata allestita a partire dal mese di ottobre al MoCa di via Moretto, insieme ad una selezione delle altre foto candidate che non sono riuscite a qualificarsi fra i primi posti. L’iniziativa lanciata da Ance Brescia è stata accolta positivamente dal pubblico, registrando alla chiusura avvenuta a fine agosto 260 iscrizioni per un totale di circa un migliaio di opere candidate. Seguendo la traccia fornita dal concorso, i fotografi partecipanti si sono sfidati a colpi di click per rappresentare il nuovo volto del settore: spronato a migliorarsi e a cogliere le sfide introdotte dalla digitalizzazione, nella realizzazione di strutture in grado di fondere le necessità dettate dallo sviluppo della società con l’attenzione nei confronti degli equilibri ambientali.

Gli intervenuti

“Negli ultimi anni il settore ha trasformato la propria immagine, innovandosi e interpretando nelle opere edili cambiamenti di design e di stile di vita, con un’attenzione sempre più inclusiva al tema della sostenibilità. L’edilizia ha assunto un ruolo cardine per l’evoluzione delle città, contribuendo anche al benessere di ogni cittadino. È questa la nuova fisionomia del costruito odierno che vogliamo raccontare grazie all’iniziativa. Un’identità che si disegna passo dopo passo con chi vive i territori e che anticipa le esigenze delle comunità per migliorare la Qualità della vita” dichiara il presidente di Ance Brescia, Massimo Angelo Deldossi, spiegando quali motivi hanno spinto l’associazione dei costruttori bresciani a dare vita al progetto.

 

A consegnare il premio ai sei finalisti vincitori Massimo Tedeschi, giornalista e presidente della giuria del concorso che ha così commentato i criteri di scelta:

“Abbiamo cercato di diversificare il più possibile le opere selezionate, per descrivere ogni sfaccettatura di un settore composito e complesso. Dall’attenzione all’ambiente, all’esaltazione delle forme, sino all’esaltazione del design, visti nel complesso gli scatti sembrano parte di un percorso visivo attraverso il quale vengono raccontate storie diverse, ma allo stesso tempo unite da un unico fil rouge.”

 

Anche Adriano Baffelli, membro della giuria e direttore responsabile della rivista Costruire il futuro, testata promotrice dell’iniziativa, ha preso parola in occasione del convegno per esprimere la sua soddisfazione per il risultato ottenuto

“È la prima edizione di questo concorso e sono piacevolmente colpito dalla partecipazione. L’iniziativa è stata una scommessa con il territorio e la cittadinanza. Infatti, si colloca in una fase di avanzato rebranding del costruito, che non si rispecchia nell’immaginario comune. Attività come questa servono a promuovere e far conoscere l’immagine della nuova edilizia, la quale grazie ai progressi della tecnica e a un cambiamento della visione generale più attenta alla sostenibilità e all’armonia dei centri urbani con l’ambiente, assume un ruolo cardine per il benessere della popolazione.”

Insieme ai due rappresentanti della giuria presenti al convegno hanno selezionato gli scatti vincitori anche Laura Castelletti, vicesindaco della città di Brescia, Renato Corsini, direttore artistico del Macof (Centro della fotografia italiana) e l’architetto bresciano Luigi Serboli.

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie