Fiere e manifestazioni
Montichiari

Il presidente di Coldiretti Ettore Prandini lancia l'idea di un "reddito di maternità"

Tavola rotonda al Centro Fiera per discutere di Agricoltura 4.0.

Il presidente di Coldiretti Ettore Prandini lancia l'idea di un "reddito di maternità"
Fiere e manifestazioni Montichiari, 05 Novembre 2021 ore 17:24

Ricerca, innovazione tecnologica, giusta comunicazione, garanzia per i prodotti di qualità, formazione, sostenibilità: carte fondamentali da giocare per l'Agricoltura italiana in prospettiva futura. Sono alcuni temi chiave emersi nella tavola rotonda che si è tenuta oggi pomeriggio in Sala Pedini del Centro Fiera di Montichiari voluta da Coldiretti che ha visto al tavolo dei relatori il presidente nazionale Coldiretti Ettore Prandini, il Ministro Mariastella Gelmini, il professor Mario Pezzotti (da remoto) e l'AD di Novamont Catia Bastioli. “Innovazione, ricerca e formazione per un'agricoltura sempre più green”, questo il titolo della tavola rotonda moderata dal direttore di Informatore Agrario Antonio Boschetti che si è tenuta alla presenza di un pubblico numerosissimo e attento nell'ambito della FAZI 2021.

L'intervento del Ministro Mariastella Gelmini a Montichiari

La difesa del Made in Italy è fondamentale – ha detto il Ministro Gelmini – come è fondamentale che i luoghi di formazione siano volti al sapere ma anche al saper fare. Nel contempo - ha sottolineato Gelmini - le risorse del Pnrr devono essere utilizzate per dare un futuro ai nostri giovani e anche in questa ottica spazio importante alla filiera agro-alimentare è stato dato nell'ultimo Bilancio. Bisogna remare tutti nella stessa direzione e voi – ha detto Gelmini rivolta alla platea di agricoltori - avete indicato la strada al Paese in un momento difficile. Il vostro è un settore straordinario e ora più che mai è tempo di valorizzazione il capitale umano, con investimenti nella ricerca e nell'innovazione, l'agricoltura italiana è tra le prime in Europa ad investire nella qualità e nella difesa dell'ambiente. Lavoreremo insieme a Coldiretti, che ha sempre mostrato visioni lungimiranti sul tema, per migliorare i luoghi di formazione e l’inserimento nel mondo del lavoro. Se l’agricoltura continua a crescere, anche in tempi così difficili, significa che qui c’è spazio per dare un futuro ai giovani italiani”.

Ettore Prandini e l'agricoltura del futuro

Con il suo intervento il presidente nazionale di Coldiretti Ettore Prandini ha sottolineato la necessità di agire costantemente in una prospettiva di medio e lungo periodo ricordando che ora più che mai “è un errore parlare per comparti stagni, agricoltura, industria, formazione e ricerca non sono mondi a sé stanti e devono poter interloquire in modo efficace. Dobbiamo parlare ai ragazzi che devono credere nelle opportunità offerte da un settore come quello dell'Agricoltura, dobbiamo riuscire a comunicare all'esterno quello che noi siamo. La zootecnia italiana è la più sostenibile del mondo e Brescia è un modello zootecnico di valore assoluto. Ecco perché abbiamo voluto la Fiera Internazionale del Bovino da Latte a Montichiari”. Fortissima la considerazione di Prandini per la ricerca: “I Paesi che investono in ricerca sono quelli con maggior crescita economica nel medio e lungo periodo, non bisogna ragionare sul bisogno del giorno dopo anche se bisogna comunque parlare del giusto guadagno per le imprese agricole che sono una parte fondamentale dell'economia del Paese. L'agroalimentare vale per 570 miliardi di euro”. Prandini ha ribadito l'importanza delle energie rinnovabili e la necessità per le aziende agricole di essere autosufficienti per quanto riguarda il fabbisogno di energia elettrica per esempio, e il fotovoltaico potrebbe essere una soluzione. Il presidente nazionale di Coldiretti ha affrontato uno dei temi ambientali su cui più si sta dibattendo a livello mondiale sottolineando che la minaccia della desertificazione del suolo si affronta anche con l'utilizzo delle sostanze organiche. E secondo Prandini non si può parlare di futuro e di agricoltura per le nuove generazione se il calo demografico propone una prospettiva di un Paese sempre più vecchio. Ecco che il presidente nazionale Coldiretti ha lanciato un'idea: “Dovremmo pensare a un reddito di maternità, i Paesi più evoluti sostengono i nuclei famigliari e noi ai giovani dobbiamo offrire un futuro in cui possano crescere dei figli in tranquillità”.

Necrologie