Sport
Basket

Una serata "no" per la Germani Brescia, brilla la Dinamo Sassari

La gara 3, terminata 98-68 a favore dei padroni di casa della Dinamo Sassari.

Una serata "no" per la Germani Brescia, brilla la Dinamo Sassari
Sport 21 Maggio 2022 ore 10:25

Una serata da dimenticare per la Germani Brescia.

Varie complicazioni

La gara 3, terminata 98-68 a favore dei padroni di casa della Dinamo Sassari, che grazie a questo successo avanzano sul 2-1 nella serie. Una giornata storta e complicata, nella quale nulla ha viaggiato nella giusta direzione. A cominciare dagli infortuni, di cui sono stati vittime Amedeo Della Valle (già dolorante per un problema alla spalla sinistra, costretto a lasciare il campo a seguito di un ulteriore contatto dopo solo 5′ di gara) e Kenny Gabriel, molto dolorante a causa di una botta rimediata al ginocchio, oltre al pesante problema di falli che ha interessato capitan David Moss e macchiato la buona prestazione di John Petrucelli, top scorer di serata con 16 punti.

Ottime le prestazioni degli avversari

Al di là delle oggettive difficoltà, grande merito va a una Dinamo Sassari completamente a fuoco e protagonista di una prestazione nella quale non ha mai lasciato nulla di intentato, cavalcando le proprie bocche da fuoco e spaccando la partita con un terzo quarto mortifero che ne ha anticipato e, in seguito, sancito il trionfo. Brescia commette errori su più fronti reggendo per poco più di un quarto, per poi finire in un tunnel senza luce né via di uscita che consegna definitivamente gara-3 nelle mani sarde. Il tempo per rammaricarsi, tuttavia, deve ora fare spazio alla voglia di rivalsa e al grande orgoglio al quale la Germani ha abituato la propria piazza: tra poche ore si torna in campo, sempre in terra sarda, con l’obbligo ottenere il successo se l’obiettivo è portare la serie all’ultimo atto e giocarsi il tutto e per tutto in gara 5, nel fortino del PalaLeonessa A2A e davanti al proprio pubblico. Per dirla assieme a coach Magro… “Non si può seppellire chi non è ancora morto”: chi segue questa squadra, la tifa e la ama, non può non compattarsi attorno alle parole del suo condottiero.

Il match

Riguardo la cronaca del match, un altro inizio di fuoco apre il terzo incontro dell’agguerrita serie sardo-lombarda: tra le mura del PalaSerradimigni, gara 3 prende il via con un primo quarto del tutto equilibrato che Brescia conclude con il naso avanti di due lunghezze (25-23). Da metà del secondo periodo, l’equilibrio lascia posto al dominio dei padroni di casa: Brescia fatica terribilmente a macinare punti, vivendo il proprio momento più nero, mentre Sassari entra in una vera e propria fase di grazia: trascinata da un’incredibile mole di intensità, la Dinamo marca il primo solco di serata chiudendo il primo tempo sul +13. Cambia il quarto, non il copione: l’egemonia sassarese prosegue, mentre Brescia sprofonda nel buio del -31 del 30′. Sul finale, alla squadra di coach Bucchi non spetta altro compito se non quello di amministrare l’ampio vantaggio già conquistato: l’opera si conclude in poco più di 10′ e Sassari guadagna il maestoso successo.

Alessandro Magro, coach della Germani Brescia, commenta così la gara:

“È doveroso fare un ringraziamento ai tifosi bresciani che ci hanno seguito qui in Sardegna. Sassari ha fatto una partita intensa, molto fisica e hanno alzato il livello di aggressività. Siamo 2-1 per loro e siamo pronti a giocare gara 4. Della Valle aveva preso un colpo in gara 2, poi oggi ha preso un altro colpo e non è potuto tornare in campo. Resettare tutto in 48 ore? È possibile. Siamo pronti a battagliare nella prossima sfida. Non si può seppellire chi non è ancora morto”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie