Sport
Tennis

Internazionali femminili di tennis, fuori Ylena In-Albon

Attesa ora per le semifinali di singolare e la finale del doppio.

Internazionali femminili di tennis, fuori Ylena In-Albon
Sport Brescia, 03 Giugno 2022 ore 18:44

Non è bastato il supporto del pubblico per trascinare Ylena In-Albon, testa di serie numero 1 del torneo, al traguardo delle semifinali degli Internazionali femminili di Brescia (60 mila dollari di montepremi, terra battuta).

Come è andata

La 23enne svizzera, che nella provincia lombarda è di casa poiché gioca il Campionato di Serie A con il team di Lumezzane (neopromosso in A1), è stata sorpresa dalla 22enne spagnola Angela Fita Boluda, a segno per 7-6 7-5 dopo una partita che lascia in dote alla sconfitta parecchi rimpianti. L'elvetica è andata in vantaggio addirittura per 5-0 nel primo set, sprecando in totale quattro set-point, tre sul 5-4 e uno nel tie-break. Nel secondo, si è trovata sul 5-3 prima di subire quattro game consecutivi e lasciare dunque il passaggio del turno alla spagnola. La Fita Boluda, che proviene dalle qualificazioni e fin qui non ha perso un solo set, è numero 390 Wta e va a caccia del risultato più importante della carriera: per lei, in bacheca ci sono due titoli da 15 mila dollari (entrambi conquistati nel 2019) ma nessuno di categoria superiore.

L'avanzata della tennista greca

Nella parte bassa del draw dell'evento del Tennis Forza e Costanza, continua il cammino sorprendente di Despina Papamichail, la greca che a 29 anni sta vivendo il momento migliore della carriera, sotto la guida del coach marchigiano Massimiliano Albarella, che la segue sui campi della MTA di Jesi. Sotto di un set con la 20enne argentina Jazmin Ortenzi, la giocatrice che fa base in Italia si è ripresa piano piano fino a dominare nel terzo parziale.

“Sto attraversando un ottimo periodo – ha spiegato la greca in un perfetto italiano – e voglio cercare di godermelo più possibile. Ero già stata a Jesi per quattro anni in passato, prima di trasferirmi a Barcellona, ma da un mese sono tornata in Italia e mi trovo benissimo. Avevo qualche dubbio sul fatto di venire a giocare a Brescia perché l'entry list era molto competitiva, ma alla fine è stata la scelta giusta”. Entusiasta anche l'allenatore Albarella: “Despina – spiega il coach – è prima di tutto una grande appassionata di tennis, ha avuto degli infortuni seri in passato e non era mai riuscita a sbocciare al livello che merita, ma adesso non è lontana dalle top 100 e ovviamente quello è il suo obiettivo. A seguirla saremo io, a Jesi, e il coach spagnolo Roberto Ortega, che lavorerà con lei per alcuni periodi dell'anno a Madrid”.

In attesa delle seminfinali di singolare e la finale del doppio

Contro la greca in semifinale, sui campi in terra del Castello, ci sarà la tedesca Anna-Lena Friedsam, una delle stelle del torneo dall'alto del suo best ranking di numero 45 Wta (datato 2016). Non è stato un match facile, per lei, contro la bulgara Julia Terziyska, proveniente dalle qualificazioni e capace di tenere il ritmo per un'ora e trenta minuti, sprecando anche un vantaggio di un break nel secondo set. Dal 2-4, tuttavia, la favorita ha cambiato marcia infilando quattro game consecutivi e chiudendo con un periodico 6-4. Buona parte della giornata dedicata ai quarti del singolare si è giocata sotto una pioggia leggera ma insistente, che ha reso difficile per le giocatrici esprimersi al top e ha costretto anche alla sospensione in due momenti diversi del venerdì. Resta da giocare l'ultimo quarto di finale, tra Sara Errani e la colombiana Yuliana Lizarazo. Domani (sempre con ingresso gratuito) in programma le semifinali di singolare e la finale del doppio.

In evidenza uno scatto di Foto Game

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie