Sport
tennis

Internazionali femminili di Brescia, il super mercoledì

Il clou da metà pomeriggio in poi.

Internazionali femminili di Brescia, il super mercoledì
Sport 01 Giugno 2022 ore 10:02

Brescia si prepara per il super mercoledì, con in campo tutte le big. Eliminate Pigato e Di Giuseppe

Una bella sfida

Dopo una giornata e mezza brillante per i colori italiani, con tre giocatrici azzurre capaci di superare le qualificazioni, i primi match del tabellone principale degli Internazionali femminili di Brescia, torneo Itf da 60 mila dollari di montepremi in scena nella sede del Castello del Tennis Forza e Costanza 1911, non hanno portato fortuna alle due italiane impegnate, entrambe fuori con rimpianti. I più dolorosi se li è portati sotto la doccia la wild card Lisa Pigato, 19enne numero 423 della classifica Wta, che ha fatto partita pari per quasi due ore e mezza con la svizzera Stefanie Voegele, ex top-50 e sesta testa di serie. La giovane bergamasca allenata dal padre Ugo ha dimostrato di avere il tennis per mettere in difficoltà l’avversaria sia nel primo set, controllato fin dall’inizio, sia nel terzo, quando è scappata sul 3-1 riproponendo lo stesso pressing delle prime fasi del duello. Ma nel momento più importante la rivale svizzera si è armata di pazienza ed esperienza, punto dopo punto ha risalito la corrente e si è presa il successo per 3-6 6-2 6-3, aggiudicandosi gli ultimi cinque game della sfida. Mastica amaro anche la romana Martina Di Giuseppe, che contro l’ucraina Katarina Zavatska ha servito per il primo set sul punteggio di 5-4, peraltro dopo aver vinto tre giochi consecutivi. Ma di colpo il suo tennis di varietà è andato in cortocircuito, la rivale le ha preso le misure e ha tenuto per una trentina di minuti un ritmo insostenibile per l’azzurra, chiudendo il primo set nel dodicesimo game e scappando sul 5-1 nel secondo. La sua superiorità non è durata fino alla fine, ma il vantaggio accumulato le ha permesso di controllare il rientro della giocatrice laziale, fino al 7-5 6-4 che l’ha promossa agli ottavi.

Una giornata ricca di soddisfazioni

Come accennato, le soddisfazioni azzurre del martedì bresciano sono arrivate tutte dalle qualificazioni, con tre giocatrici capaci di guadagnarsi l’accesso al main draw. La prima in ordine cronologico a riuscirci è stata la bolognese Nicole Fossa Huergo, che contro Deborah Chiesa non ha dovuto nemmeno scendere in campo, a causa del forfait della trentina. Pochi minuti dopo ha avuto la stessa buona sorte la toscana Diletta Cherubini, che si trovava in vantaggio per 3-2 contro Sapfo Sakellaridi quando la greca ha alzato bandiera bianca per problemi alla schiena. Promossa anche la veronese Aurora Zantedeschi, che dopo aver battuto una testa di serie al lunedì ha fatto il bis all’indomani, guadagnandosi la qualificazione ai danni della kazaka Zhibek Kulambayeva, superata per 6-3 6-2. Nel tabellone principale la giocatrice veneta sfiderà la n.4 Nastasja Schunk. Un’altra qualificata, invece, sia per Fossa Huergo sia per Cherubini: la prima sfida la spagnola Fita Boluda, la seconda la francese Sara Cakarevic. Saranno tutte in campo sulla terra battuta del Castello in un super mercoledì, con i rimanenti 12 incontri di primo turno. Il via è previsto alle ore 11 sul Campo 3, a mezzogiorno sul Centrale e alle 13 sul Campo 4. Il clou da metà pomeriggio in avanti, quando dalle 15 si susseguiranno sul Central Court la testa di serie n.2 Rebeka Masarova, la numero uno Ylena In-Albon e quindi - non prima delle 18 - la grande attesa Sara Errani, ex n.5 del mondo, che sfida Gloria Ceschi in un derby tricolore. L’ingresso al Tennis Forza e Costanza sarà gratuito per l’intera settimana.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie