Sport
Pallacanestro

Germani Brescia pronta per una settimana record, si parte da Napoli

Magro: "L’approccio alla gara sarà fondamentale, sarà importante iniziare bene e contenere la loro prima ondata di energia, considerato che giocheremo in un palasport pieno e caldo”.

Germani Brescia pronta per una settimana record, si parte da Napoli
Sport Brescia, 07 Aprile 2022 ore 17:44

La Germani Brescia è attesa da un ciclo di tre partite in una settimana, che si aprirà con la sfida da disputare sul campo della GeVi Napoli in una degli anticipi della 26/ma giornata. La partita del PalaBarbuto, in programma sabato 9 aprile (ore 20.10) è stata presentata nel corso di una conferenza stampa, nella quale è intervenuto il coach Alessandro Magro.

Le sue parole

“Inizia un ciclo di partite impegnativo, compreso il recupero infrasettimanale contro Tortona – esordisce l’allenatore della Germani -. Dopo la nostra 13/ma vittoria consecutiva ottenuta con Trento, affrontiamo una sorta di format europeo con tre partite in una settimana, due trasferte importanti e la partita con Reggio Emilia. Di queste gare, giocheremo contro due delle squadre che sono le nostre più dirette inseguitrici in classifica. Senza pensare ai nostri avversari, però, dobbiamo restare concentrati su di noi, con l’obiettivo di gestire il vantaggio in classifica che ci siamo guadagnati meritatamente e sfruttare ogni occasione possibile per essere pronti per l’ultima fase del campionato. Quella di Napoli sarà una partita impegnativa – prosegue Magro -. Da quando Buscaglia si è seduto in panchina, la Gevi ha vinto due gare consecutive. Affrontiamo una squadra in fiducia, che ha mantenuto i grandi scorer del proprio roster, a partire da Rich, Parks e McDuffie, senza dimenticare il grande impatto che ha un giocatore che conosciamo bene come Andrea Zerini. Napoli è in un limbo tra la salvezza e i playoff, incerta se guardarsi avanti e puntare alla postseason oppure indietro, per chiudere il discorso salvezza. È una squadra che corre bene il campo, che non fatica a mettere punti sul tabellone e che dall’arrivo di Buscaglia in panchina è diventata più aggressiva dal punto di vista difensivo. Mi aspetto che la GeVi provi a saltarci addosso sin dalla palla a due ed è un bene che ci sia una partita con questi toni agonistici sul nostro cammino, perché il nostro obiettivo ora è quello di costruire una mentalità vincente – spiega il coach toscano -. Saremo pronti per fronteggiare il loro livello di aggressività e cercheremo di portare a casa i due punti in palio. L’approccio alla gara sarà fondamentale, sarà importante iniziare bene e contenere la loro prima ondata di energia, considerato che giocheremo in un palasport pieno e caldo”.

Non abbassare la guardia

Con la presenza di Mike Cobbins ancora in dubbio (“prosegue il suo percorso di recupero, valuteremo sabato mattina se avrà la possibilità di giocare”), pronti a fronteggiare i tanti ex di giornata (“conoscere bene le caratteristiche di alcuni giocatori ci permette di arricchire il report sulla squadra avversaria”), l’obiettivo della Germani è quello di tenere alta la concentrazione:

“Questo è il momento della stagione nel quale le settimane sono molto lunghe. L’obiettivo è quello di cercare di arrivare pronti alle partite, continuando a lavorare per arrivare pronti mentalmente e fisicamente ai playoff. La nostra vuole diventare una grande squadra e per farlo deve fare in modo di riuscire a trovare ogni volta le giuste motivazioni, contro ogni avversaria. Si tratta di cercare di essere sempre migliori di quello che si è stati e di giocare bene a pallacanestro. I miei giocatori si sono resi conto che quella contro Trento è stata una partita con dei picchi verso l’alto, ma anche verso il basso – conclude Magro -. È difficile pensare che per il livello di gioco che stiamo esprimendo si possano prendere dei break così importanti. I miei giocatori hanno capito, ci stiamo lavorando: anche quando vinci tanto e anche quando vinci giocando male, è necessario cercare di superare i propri limiti. Le cose che fanno di un grande giocatore un campione esulano dal punto di vista tecnico e tattico: il campione va al di là di quello che fa in campo e ha la capacità di essere leader e di trasformarsi in un punto di riferimento per i propri compagni di squadra”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie