Menu
Cerca
Sport

Desenzano sul tetto d’Europa: Marcel Jacobs oro nei 60 piani agli Euroindoor

Nato a El Paso, da bambino si è trasferito in Italia con la madre italiana e proprio nella città gardesana ha iniziato a praticare l’atletica.

Desenzano sul tetto d’Europa: Marcel Jacobs oro nei 60 piani agli Euroindoor
Sport Garda, 07 Marzo 2021 ore 08:51

Desenzano sul tetto d’Europa. Lo sprinter azzurro Marcel Jacobs ha vinto, in 6″47 (miglior tempo dell’anno), la medaglia d’oro nella gara dei 60 metri piani degli Euroindoor in corso di svolgimento a Torun, in Polonia. L’unico altro italiano che finora ci era riuscito era stato Stefano Tilli.
Figlio di madre italiana e padre texano, Marcel Jacobs è nato a El Paso 26 anni fa, dove ha trascorso i primi anni della sua infanzia, ma da bambino si è trasferito in Italia con la madre. E all’età di 10 anni ha iniziato a praticare l’atletica leggera a Desenzano del Garda.

E’ il nuovo record italiano

Era uno dei favoriti della gara, ma ha fatto una gara incredibile: partenza perfetta, progressione inarrestabile e vittoria mai in discussione con un crono finale che è anche record italiano, a 5 centesimi dal primato continentale del britannico Dwain Chambers.

“Mi godo il successo dopo tante batoste”

“Sono super soddisfatto e orgoglioso di questa prestazione, che nasce da tantissimo lavoro e anche da tante batoste che ho preso – ha detto Marcel dopo il trionfo – Questo mi ha portato qui in un’ottima condizione fisica, che si era comunque già vista nella prima parte di stagione, e mentalmente stavo benissimo”.

Una vittoria  costruita fianco a fianco con il coach Paolo Camossi, mito del triplo azzurro: “Non sapevo ancora il crono, quando sono andato da Paolo che mi ha dato la bandiera – ha raccontato Jacobs – C’è tantissimo del mio coach in questo risultato. Con lui dal 2015 abbiamo condiviso un percorso e stravolto le nostre vite, spostandoci a Roma, soffrendo anche insieme per le sconfitte e ora siamo qui insieme a festeggiare. Nella vita normale per me non cambia niente, ma sarò più consapevole delle mie potenzialità e lavorerò molto duramente per l’estate, con più di un appuntamento importante. Testa bassa e si continua a lavorare”.

Necrologie