Sport
tennis

Camozzi Open, finale con Saja-Boriva

Oltre alle finali dei Quad, in programma la finale del singolare femminile, le semifinali del doppio femminile, quarti e semifinali del doppio maschile e la conclusione dei tabelloni di consolazione (maschile, femminile, Quad).

Camozzi Open, finale con Saja-Boriva
Sport Brescia, 11 Giugno 2022 ore 08:44

Festa bresciana al Camozzi Open: nei Quad sarà finale Saja-Boriva. Nell’Open avanti i favoriti, fuori gli azzurri

Un'importante prima volta

Per la prima volta in otto edizioni il Camozzi Open – Memorial Cav. Attilio Camozzi avrà un bresciano nell’albo d’oro del singolare. Merito di Alberto Saja e Ivano Boriva, pronti ad affrontarsi sabato per il titolo della categoria Quad. È la notizia più importante emersa da un venerdì di fuoco, sia per le temperature sia per i 31 incontri del programma, di nuovo spalmato sui tre campi in cemento indoor del Tennis Forza e Costanza 1911 e sui due del Centro Sportivo San Filippo, visto che la pioggia dei giorni scorsi ha reso impossibile il gioco in carrozzina sui campi in terra battuta all’aperto. Un inconveniente reso meno spiacevole dai risultati dei due portacolori di Active Sport: Boriva, 58 anni da Treviso Bresciano, ha rifilato un doppio 6-1 all’ex top-10 (e campione a Brescia nel 2019) Antonio Raffaele; mentre Saja si è finalmente preso la rivincita contro Alfredo Di Cosmo, che l’aveva battuto nei due tornei internazionali giocati in precedenza nel 2022, prima a Cantù e quindi la scorsa settimana a Padova. Ma davanti a un nutrito gruppo di sostenitori il 48enne di Villanuova sul Clisi è riuscito a giocare il suo miglior tennis, in particolare nei momenti decisivi di una sfida vinta per 7-5 7-5. Comunque andrà a finire, la finale di sabato 11 giugno sarà una festa, anche per i risvolti umani del duello, visto che fu proprio Boriva – nel 2017 – a spingere Saja a cimentarsi nel tennis in carrozzina, dopo che quest’ultimo si era avvicinato all’universo Active Sport con l’intenzione di praticare l’handbike. Cinque anni dopo, invece, il bresciano è il miglior italiano nel ranking mondiale della categoria Quad (al numero 23) e insieme allo stesso Boriva andrà a caccia del titolo anche nel doppio, contro la coppia Di Cosmo/Raffaele.

Categoria Open

Se l’Italia è andata alla grande nei Quad, non si può dire lo stesso nella categoria Open, visto che il doppio turno di venerdì 10 giugno è stato fatale a tutti gli azzurri impegnati. Quella ad aver fatto più strada è Marianna Lauro, a lungo numero uno d’Italia: la giocatrice sarda si è spinta fino in semifinale e ha trascinato al terzo la favorita numero uno Abbie Breakwell, ma la britannica ha comunque avuto la meglio con il punteggio di 6-2 0-6 6-2 e sabato si giocherà il titolo contro la vincitrice della semifinale serale fra Jenewein e Grosswiler. Nel maschile, invece, si sono arresi ai quarti di finale gli ultimi tre azzurri impegnati: erano tutti chiamati all’impresa, ma nessuno è riuscito ad andarci vicino. A giocarsi un posto in finale, sabato ci saranno nella parte alta del tabellone la leggenda Martin Legner e il britannico Andrew Penney (che in mattinata ha estromesso il bresciano Edgar Scalvini, vincendo 6-4 3-6 6-4), in quella bassa il polacco Tadeusz Kruszelnicki, già due volte vincitore del Camozzi Open, e lo svizzero Raphael Gremion. Sabato al Camozzi Open si parte alle 9, con un’altra giornata ricchissima di incontri. Oltre alle finali dei Quad, in programma la finale del singolare femminile, le semifinali del doppio femminile, quarti e semifinali del doppio maschile e la conclusione dei tabelloni di consolazione (maschile, femminile, Quad).

In evidenza uno scatto di foto Game.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie