Sport
Calcio

Andrea Caracciolo appende gli scarpini al chiodo, al Lumezzane arriva Zerminiani

Con la maglia rossoblù ha giocato complessivamente 21 incontri, realizzando 21 reti.

Andrea Caracciolo appende gli scarpini al chiodo, al Lumezzane arriva Zerminiani
Sport Valli, 13 Aprile 2022 ore 07:36

Durante una conferenza stampa svoltasi ieri (martedì 12 aprile) a Brescia, presso la sede di Camozzi Group, main sponsor della società sportiva Football Club Lumezzane, il capitano della Prima Squadra Maschile, l’Airone Andrea Caracciolo, ha fatto alcune importanti comunicazioni che riguardano il suo presente e il suo futuro.

Una grande e ricca carriera

Dopo aver condotto la squadra rossoblù alla conquista della promozione in Serie D, dominando il girone C del campionato lombardo di Eccellenza, il capitano Andrea Caracciolo ha annunciato che appende gli scarpini al classico chiodo, concludendo la sua straordinaria carriera da calciatore. Quello di Andrea Caracciolo nel calcio giocato è stato un percorso sportivo lunghissimo e ricco di soddisfazioni, durante il quale ha indossato anche la maglia della Nazionale italiana: un percorso cominciato nel settore giovanile del Milan, proseguito al Sancolombano (compagine della cintura metropolitana milanese), quindi al Como e alla Pro Vercelli. Arriva poi l’esperienza in più tappe al Brescia, costellata da miriadi di gol e prestazioni tali da rendere Caracciolo una leggenda del calcio bresciano e farlo entrare per sempre nel cuore dei tifosi della nostra provincia; e in mezzo a questa approdi al Palermo, alla Sampdoria, al Genoa, al Novara. Nel 2018 passa alla Feralpi Salò, dove rimane per due stagioni, mentre nel 2020 sposa il progetto di FC Lumezzane, diventando il capitano della squadra che in due campionati raggiunge l’obiettivo della Serie D.

"È difficile restituire attraverso le parole i sentimenti di gratitudine verso un atleta che ha rappresentato in ciascuna delle sue esperienze calcistiche un esempio di forza, serietà e applicazione. La società FC Lumezzane - presso la quale Caracciolo termina la sua parabola di calciatore - sente di doverlo fare, attraverso i suoi rappresentanti, non soltanto a proprio nome ma anche per conto di tutto il calcio italiano, per il quale egli è stato ed è una figura importante. Nello specifico, poi, FC Lumezzane ritiene di sottolineare il contributo decisivo offerto da Caracciolo, in questi due anni vissuti sul campo, alla crescita della squadra e della stessa società, anche oltre i risultati sportivi conseguiti. La sua presenza e la sua attitudine agonistica si sono fatte sentire in campo, in allenamento e nello spogliatoio, fungendo da costante esempio e da stimolo per i compagni. È un GRAZIE maiuscolo quello che FC Lumezzane tributa ad Andrea".

Si chiude un capitolo, ne comincia un altro, diverso

FC Lumezzane comunica che Andrea Caracciolo rimane parte della famiglia rossoblù, in altro ruolo: egli assume, con decorrenza odierna, la carica di Direttore Sportivo di FC Lumezzane.
Contestualmente, Carlo Maria Zerminiani - che in qualità di DS, da agosto 2021, ha assicurato un apporto fondamentale al grande campionato disputato dalla squadra nella stagione 2021/2022 - cessa dalle attuali funzioni per assumere l’incarico di Direttore Tecnico di FC Lumezzane. La società si complimenta per i nuovi incarichi con Andrea e Carlo, i quali lavoreranno a stretto contatto, proseguendo un proficuo rapporto di collaborazione maturato già durante la stagione in corso.
Alla conferenza stampa era infine presente il Comitato di Sostenibilità del Consiglio di Amministrazione della Società FC Lumezzane, che affianca e supporta il management, ed è formato da alcuni elementi dell’Assemblea dei Soci. Il Comitato di Sostenibilità è composto da Lodovico Camozzi, Gianleone Gnali, Mansueto Bonomi, Marco Bonomi, Marco Ghidini, Andrea Ettori.

Andrea Caracciolo: ritratto essenziale in parole e cifre

Andrea Caracciolo è nato a Milano il 18 settembre 1981 ed è cresciuto a Cesano Boscone. La carriera dell’ “Airone” Caracciolo - nome di battaglia che gli deriva dal modo singolare in cui esulta dopo ogni gol segnato - comincia come difensore nelle giovanili del Milan, per proseguire da bomber in realtà quali la Solbiatese, l’Alcione e il Sancolombano, compagine della cintura metropolitana milanese in cui esordisce nel calcio adulto. Dopo fugaci esperienze con Como e Pro Vercelli, nel 2001 ha inizio il percorso di Caracciolo nella massima serie, con la maglia del Brescia: nelle rondinelle giocherà - in quattro distinti periodi, ovvero 2001/2002, 2003/2005, 2008/2011, 2012/2018 - ben 418 partite, segnando complessivamente 179 reti tra serie A, serie B e coppe, bottino che lo rende il calciatore con il maggior numero di gol all’attivo nella storia della compagine del nostro capoluogo. Ha giocato anche con Perugia, Palermo, Sampdoria, Genoa, Novara, e FeralpiSalò, collezionando inoltre due presenze nella Nazionale Italiana. Tra gli altri record che Caracciolo può esibire, c’è quello di essere il terzo miglior marcatore di tutti i tempi nella serie cadetta italiana (dove ha messo la firma su 135 reti), e il primo in assoluto per gol segnati con la stessa maglia (sempre quella del Brescia). Nel 2004, in Germania, ha vinto i Campionati Europei Under 21. In carriera ha superato, complessivamente, il traguardo dei 250 gol realizzati. Con la maglia del FC Lumezzane - società nella quale ha concluso la sua carriera di calciatore - ha disputato due Campionati di Eccellenza, con la fascia di capitano al barccio, conquistando nel secondo la promozione in serie D, al termine di una cavalcata trionfale nella quale il suo contributo in termini realizzativi e di carisma è stato decisivo. Con la maglia rossoblù ha giocato complessivamente 21 incontri, realizzando 21 reti.

4 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie