Ridda di anticipazioni

Nuovo Dpcm: un solo tampone, stretta sulle feste e scivolone (già corretto) su runner e mascherina

Chi fa jogging fa attività sportiva e quindi può non mettere la mascherina. Chi cammina, fa invece attività motoria e quindi deve indossarla.

12 Ottobre 2020 ore 12:30

Stretta significativa in arrivo con il nuovo Dpcm, che dovrebbe essere approvato tra questa sera e domani, martedì 13 ottobre 2020.

GUARDA IL VIDEOSERVIZIO:


Nuovo Dpcm: un solo tampone invece che due

Ma al di là delle restrizioni, la novità più significativa riguarda la modalità per essere ritenuti “liberi” dal Covid-19: se finora erano obbligatori due tamponi negativi per uscire dalla quarantena, d’ora in avanti ne basterà uno.

Lo ha concordato il Ministro della Salute Roberto Speranza con il Comitato tecnico scientifico, l’idea è quella di diminuire in questo modo i tamponi da processare in maniera significativa, in modo da aumentare la copertura concentrandosi sui nuovi casi da tracciare.

Anche l’isolamento fiduciario destinato a cambiare: durerà 10 invece degli attuali 14 giorni.

Stretta sulle feste, sulla movida e sul calcetto

Matrimoni, comunioni e altre feste private: fissato a 30 il numero massimo di partecipanti.

Locali pubblici: chiusure anticipate (si parla della mezzanotte) e divieto di restare all’aperto nelle vicinanze con i bicchieri in mano.

Calcetto e sport da contatto: a livello amatoriale questo tipo di attività saranno sospese.

La polemica sulle “delazioni” con l’hastag #Stasi

Una polemica s’è innescata soprattutto sulle feste private: chi controllerà? è davvero plausibile pensare che le forze dell’ordine vadano a bussare porta a porta per individuare eventuali trasgressori?

Il ministro Speranza ha spiegato:

“Una norma va rispettata e gli italiani hanno dimostrato per lo più nel corso dei mesi più duri, di non aver bisogno di un carabiniere o un poliziotto dietro le spalle. Ma è chiaro che aumenteremo i controlli e ci saranno segnalazioni”.

Le segnalazioni di cui parla il ministro sono state lette da molti come una “invocazione alla delazione”, tanto che soprattutto su Twitter è partita una discussione globale con l’hashtag #Stasi, che non fa riferimento alla tragedia di Garlasco, ma alla Polizia segreta dell’ex Germania dell’Est…

Un problema tutto sommato relativo: segnalazioni di assembramenti non autorizzati ce ne saranno in ogni caso, anche senza “invocazioni”.

Jogging, footing e runner: un altro scivolone

Ci risiamo. Sembra essere tornati indietro di qualche mese quando era davvero difficile capirci qualcosa in alcuni meandri dei vari Dpcm. Anche ad aprile, lo ricorderete, c’era stata gran confusione sulle “corsette”, che non si capiva bene se fossero consentite anche oltre i 200 metri da casa…

Il discrimine era lo stesso: il jogging va considerato attività motoria o sportiva?

Il chiarimento del Governo (dopo una mezza giornata di caos e controinterpretazioni) è stato chiaro. Chi fa jogging fa attività sportiva e quindi può non mettere la mascherina. Chi cammina, fa invece attività motoria e quindi deve indossarla.

E in bici? Anche la bicicletta è equiparata ad attività sportiva e non solo motoria, per cui: niente mascherina.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia