segnale più stabile e veloce

Reti a banda larga e ultralarga, in Italia la crescita non si ferma

Per la connessione internet casalinga prosegue l’espansione di linee fisse di tipo FTTC, FTTH e FWA. Con Vodafone primo operatore OLO.

Reti a banda larga e ultralarga, in Italia la crescita non si ferma
28 Ottobre 2020 ore 11:48

La strada verso il futuro è rappresentata dalle reti a banda larga e soprattutto ultralarga. Gli italiani hanno intrapreso questo percorso e la crescita di connessioni internet casalinghe con linee fisse di questo genere è in continua ascesa. I ritardi nella realizzazione del BUL, ovvero la Strategia nazionale per la banda ultralarga, sono innegabili, ma in ogni caso il peso delle connessioni in rame si sta riducendo senza sosta. Cresce dunque la quota di sistemi di connettività che garantiscono un segnale più stabile e veloce. Il guadagno è tangibile: abbandonando la linea classica in rame in favore di quella ottica se ne beneficerà in termini di qualità e velocità di navigazione. A fotografare la situazione sono i dati diffusi dall’Osservatorio sulle comunicazioni AGCOM (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni).

Trend positivo per reti a banda larga e ultralarga

Il trend è positivo per le utenze FTTH e FTTC. Nei mesi di aprile, maggio e giugno 2020 si è registrata una diminuzione di quasi il 3% delle connessioni in rame, confrontandole con il loro numero nei primi tre mesi dell’anno. L’analisi traccia anche il dettaglio delle variazioni: il 2,1% delle connessioni è approdato ad una rete FTTC, lo 0,6% a una FTTH, mentre le 0,2% ad una connessione FWA. Allarghiamo il campo: nell’ultimo anno le reti veloci sono cresciute del 10,2%, con le linee FTTC a recitare il ruolo di attore principale. Queste infatti sono aumentate del 7% nel periodo compreso tra giugno 2019 e giugno 2020. Proprio a giugno 2020 una linea casalinga su due contava su una rete con velocità superiore a 100 Mbps, mentre quelle “lente” (fino a 30 Mbps) rappresentavano il 35,5% del totale.

Il primo operatore OLO in Italia

Menzione speciale per Vodafone, capace di confermarsi primo operatore OLO (Other Licensed Operators) in Italia. La quota di mercato della compagnia telefonica ha complessivamente avuto un incremento dello 0,9% nell’ultimo anno. Ciò significa che oggi più di una linea su quattro a banda larga o ultralarga è Vodafone. Nel segmento FTTC la multinazionale britannica si attesta al 21,3%, toccando quota 25,6% in quello FTTH.

Il bonus PC e internet Vodafone

Attenzione anche al bonus PC e internet Vodafone, studiato per chi vuole fare un upgrade della rete casalinga in rame passando ad una a banda larga. Il voucher è richiedibile da chi ha un ISEE fino a 20mila euro. Si tratta dunque di un intervento riservato alle famiglie meno abbienti, strutturato in due modalità. La prima prevede un bonus di 300 euro da utilizzare per le spese di attivazione e i canoni per l’abbonamento di rete fissa. La secondo invece consiste in un bonus di 200 euro per l’acquisto di un computer o di un tablet. Il modulo di richiesta del bonus PC e internet si trova sul sito della compagnia: servirà compilarlo per poi essere contattati da un consulente. Questo fornirà informazioni sui bonus dando le indicazioni opportune per optare per la soluzione migliore per la connettività famigliare.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia