Gioco d'azzardo: rTMS sconfigge la ludopatia

rTMS Stimolazione Magnetica Transcranica di Brain Stimulation Italia è un valido aiuto per combattere la ludopatia e per contrastare il gioco d'azzardo.

Gioco d'azzardo: rTMS sconfigge la ludopatia
25 Settembre 2020 ore 07:10

La dipendenza dal gioco d’azzardo, altrimenti detta ludopatia , è un problema comportamentale grave. La dipendenza dal gioco, inteso come gioco d’azzardo, è caratterizzata dall’incapacità dell’individuo di controllare il proprio comportamento. E questo nonostante le conseguenze negative che lo stesso osserva nel suo funzionamento quotidiano. Quasi sempre chi è affetto da ludopatia si accorge di fare una cosa sbagliata, ma non riesce a smettere. Dalle scommesse ai gratta&vinci, dalle sale-slot al lotto è un fiorire di tentazioni per chi ha il pallino del gioco.

Super-vincite: il grande inganno

Chi si ostina a giocare soldi nonostante le (evidenti) perdite si illude. Si illude di poter ripianare i soldi già persi e si illude di poter fare il… “colpaccio”. Peccato che la super-vincita sia sempre un miraggio. Solo un esempio. Statisticamente, centrare il 6 al superenalotto è quasi impossibile: una probabilità su 622 milioni. E qui perlomeno si tratta di un gioco controllabile (la sestina viene estratta, io so che numeri ho giocato, vedo se ho vinto). I giocatori più compromessi però si affidano anche a giochi del tutto fuori controllo e potenzialmente ingannevoli. Come i gratta&vinci ad esempio: chi mi assicura che in quel mazzo ci siano tagliandi vincenti? Potrebbero essere tutti “vuoti” e non lo sapremo mai (se non grattandoli tutti). Così le slot-machine e videolottery che girano e girano i loro simboli senza mai pagare. Chi ci assicura che arriverà la grossa vincita? Potremmo star lì un giorno intero a buttar dentro soldi senza vincere un centesimo. Eppure…

Eppure ci cascano sempre

La ludopatia e il gioco d’azzardo ripetitivo diventano un problema sia economico sia comportamentale e sociale. Chi gioca in modo continuativo trasforma una normale azione ricreativa in una pericolosissima compulsione. E non riesce più a smettere. Sono molteplici i casi registrati dalla cronaca che attestano il pericolo insito. Gente che per pagare debiti di gioco rischia di compiere azioni criminose (rapine, furti). Oppure chi si riduce sul lastrico, chi si rivolge a usurai, chi manda a pallino la famiglia e altre gravi criticità correlate. Le istituzioni, dal canto loro, non aiutano. O meglio, si comportano in maniera ambivalente: da un lato (a parole) condannano il gioco d’azzardo organizzando dibattiti informativi. D’altro canto moltiplicano le occasioni di gioco legale in tutte le ricevitorie o sale slot. Non resta quindi che aiutarsi da soli.

rTMS sconfigge la ludopatia

La risposta è la terapia rTMS, Stimolazione Magnetica Transcranica di Brain Stimulation Italia. Grazie all’elettromagnetismo si vanno a stimolare e a “resettare” alcune aree del cervello. I dati parlano chiaro: la terapia rTMS ha già funzionato nell’80% dei casi testati senza effetti collaterali. Le sedute, da venti minuti ciascuna, sono assolutamente indolori e non prevedono l’uso di farmaci. A Brescia il sistema rTMS è disponibile nel mood center in cui il dottor Fazzari svolge il ruolo di direttore scientifico all’interno del Poliambulatorio Ptc, dove vengono utilizzati i macchinari prodotti da Brainsway. Il percorso viene seguito e condiviso con un’equipe di esperti e guida psicologica.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia