Politica
BRESCIA

Zona rossa a Brescia: la Regione prende tempo, ma potrebbe scattare in automatico

La Regione non interviene e rimanda tutto al monitoraggio di venerdì, ma un meccanismo automatico a livello nazionale potrebbe far scattare la massima misura

Zona rossa a Brescia: la Regione prende tempo, ma potrebbe scattare in automatico
Politica Brescia, 09 Marzo 2021 ore 08:05

Zona rossa a Brescia: la Regione prende tempo, ma potrebbe scattare in automatico.

Prosegue l'alto numero di incidenza di casi di coronavirus nel bresciano. In quella che è definita da tutti l'epicentro della terza ondata, non è però ancora scattata la zona rossa e potrebbe non accadere nemmeno nelle prossime ore. La Regione Lombardia ha valutato ieri i dati forniti dai tecnici, ma al momento non ha preso decisioni drastiche. Gli scenari in gioco erano quelli di comandare un lockdown di carattere provinciale (come già a Bologna, Modena, Bolzano, Fermo, Pesaro Urbino, per citare altre province con numeri decisamente migliori di Brescia, ma passate in rosso) o perlomeno una zona rossa nei Comuni più colpiti (oltre 50, nella lista consegnata alla Moratti).

Così non è stato e salvo nuovi stravolgimenti, la volontà di Regione Lombardia è quella di attendere il monitoraggio di venerdì prima procedere con nuove misure, dosando anche l'eventualità che proprio venerdì arrivi il passaggio in zona rossa per l'intera regione (affatto da escludere, visti i dati).

Una situazione in divenire che ha portato gli amministratori regionali a prendere tempo sulla situazione legata a Brescia, prima provincia a passare in arancione scuro (con la chiusura delle scuole) e del quale si attende presto un riscontro anche in termini numerici, con un abbassamento dei dati sui contagi che finora non è arrivato.

Meccanismo automatico, oggi la decisione

Se la Lombardia prende tempo nella decisione su Brescia, lo stesso potrebbe non fare il governo Draghi: è in programma per questa mattina - martedì 9 marzo 2021 - un vertice tra il premier e il Comitato Tecnico Scientifico in cui si valuterà una nuova stretta a livello nazionale. Tra le ipotesi, una zona arancione rafforzata per tutti che diventi rossa nei week-end, ma anche - e qui arriva Brescia - un meccanismo di passaggio automatico in zona rossa per i territori con più di 250 casi settimanali ogni 100mila abitanti (al momento, facoltativo). Se dovesse essere inserito questo meccanismo, per Brescia la zona rossa scatterebbe praticamente subito: l'incidenza ad oggi corre verso i 600 casi ogni 100mila abitanti.

Necrologie