Menu
Cerca
REGIONE LOMBARDIA

Torna a parlare l’ex assessore Gallera: «Non mi rimprovero nulla, il problema era Aria»

L'ex numero uno della Sanità lombarda, "fatto fuori" dalla Giunta a gennaio, ha parlato a La Stampa: «L'unico problema oggettivo che ho avuto io è stato quello dei vaccini antinfluenzali. Dei responsabili ci sono. La società fu fortemente voluta da Caparini e dalla Lega»

Torna a parlare l’ex assessore Gallera: «Non mi rimprovero nulla, il problema era Aria»
Politica Brescia, 24 Marzo 2021 ore 08:49

«Non ho nulla da rimproverarmi, il sistema ha fatto il massimo possibile di fronte a una pandemia senza precedenti. Alla fine l’unico problema oggettivo che ho avuto io è stato quello dei vaccini antinfluenzali, come sempre decisi dalla società Aria». Ad affermarlo, in un’intervista a La Stampa, è Giulio Gallera, l’ex assessore al Welfare di Regione Lombardia, spinto alle dimissioni dalla Lega a fine dicembre 2020 e sostituito da Letizia Moratti.

«La Regione aveva sbagliato»

Secondo lui, la società della Regione «aveva sbagliato completamente il percorso di acquisizione, proponendo a febbraio una gara con un prezzo senza senso a cui non aveva partecipato nessuno». Aria Spa è al centro delle polemiche in questi giorni per gli errori commessi nella convocazione degli ultraottantenni presso gli hub vaccinali, con sms che indirizzavano a centri lontani dai luoghi di residenza, con chiamate giornaliere in eccesso che hanno mandato in tilt il sistema o addirittura con mancate convocazioni.

«La Lombardia è finita sotto un attacco mediatico inverecondo – continua Gallera -. Di fronte a questa narrazione immotivata, che la storia sta smentendo, io a un certo punto mi sono fatto da parte. Io mi riferisco alla gestione della pandemia: alla fine tutte le regioni sono capitolate, quindi non era vero che la Lombardia era la peggiore».

Gallera poi conclude: «Dei responsabili ci sono. C’è questa società, Aria, fortemente voluta dall’assessore Caparini e dalla Lega, che si è dimostrata una realtà non efficiente e al di sotto delle aspettative. Il management non si è dimostrato all’altezza».

Il commento di Gallera si va ad aggiungere alle critiche di Fontana e Moratti, che vogliono sostituire nella gestione della campagna la piattaforma di Aria con quella (gratuita) di Poste Italiane. Ma dietro le parole di Gallera, esponente di Forza Italia che è stato “fatto fuori” dalla Giunta a gennaio, c’è anche, sicuramente, la volontà di riabilitare almeno in parte la propria immagine, uscita a pezzi dalla gestione della Sanità lombarda in dieci mesi di pandemia.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli