Stanziati 200milioni di euro per gli investimenti sanitari: l’intervento di Girelli del Pd

Il consigliere regionale ha fatto il punto sulla situazione e sulle scelte del Centrosinistra.

Stanziati 200milioni di euro per gli investimenti sanitari: l’intervento di Girelli del Pd
23 Dicembre 2019 ore 17:41

Stanziati 200milioni di euro per gli investimenti sanitari: l’intervento di Girelli del Pd. Il consigliere regionale ha fatto il punto sulla situazione e sulle scelte del Centrosinistra.

Stanziati 200milioni di euro per gli investimenti sanitari

“Grazie alle ingenti risorse sanitarie stanziate dal Governo di centrosinistra, anche Regione Lombardia, dopo un lungo periodo di stallo, può finalmente inaugurare una nuova stagione per i cittadini lombardi. Perché la qualità dell’assistenza va di pari passo con i finanziamenti, non certo con la propaganda del centrodestra. Ora aspettiamo la Giunta alla prova dei fatti. Il Pd ha dato indicazioni precise su come spendere i soldi che il Governo nazionale ha assegnato. Speriamo che la maggioranza decida di abbandonare i proclami e dia seguito anche alle nostre richieste, messe nero su bianco durante la sessione di bilancio”. Lo dichiara Gian Antonio Girelli, consigliere regionale del Pd, al termine della discussione sul bilancio di previsione 2020-2022 di Regione Lombardia che prevede lo stanziamento di 200milioni di euro per gli investimenti sanitari.

“Nel dettaglio, abbiamo chiesto di avere un Presidio sociosanitario per ogni ambito territoriale perché il modello di gestione della cronicità di Regione Lombardia mostra evidenti segni di inefficienza. Basti pensare che dal suo esordio, nel gennaio 2018, a oggi ha arruolato solo il 10 per cento dei pazienti aventi diritto”, spiega Girelli. Invece, avere una rete capillare di Presst, ovvero poliambulatori dedicati soprattutto alla cura dei pazienti cronici, significa “semplificare la vita alle persone malate che, anziché rivolgersi agli ospedali, troverebbero in strutture adeguate e a breve distanza da casa le cure necessarie – spiega il consigliere Pd –. Noi crediamo che vada sostenuta la sanità territoriale, ovvero ciò che manca davvero alla Lombardia, ricca di grandi ospedali di qualità, ma che nel tempo non ha investito, o ha disinvestito, sui servizi a portata del cittadino”.

Infine, rispondendo a quella che definisce propaganda leghista, Girelli segnala che “l’abolizione del  superticket sulle prestazioni viene fatto in anticipo di 6 mesi sempre grazie ai fondi che questo Governo ha messo a disposizione. Infatti, in anticipo rispetto alla misura del Ministro Speranza che prevedeva la cancellazione dal 1 settembre, oggi Regione Lombardia può festeggiare il taglio. Per rispetto del lavoro altrui, bisognerebbe riconoscere che il superticket è stato messo dal Governo di centrodestra e viene tolto da quello di centrosinistra”.

TORNA ALLA HOME

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve