Salò non revoca la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini

Salò, con 14 voti contrari e 3 a favore, Benito Mussolini rimane cittadino onorario. La maggioranza: "Ce ne assumiamo serenamente ogni responsabilità".

Salò non revoca la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini
Garda, 13 Febbraio 2020 ore 23:12

Salò non revoca la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini.

Piazza Vittoria a Salò blindata

Il “no” (14 voti contrari alla revoca e 3 a favore) è stato pronunciato nel corso del consiglio comunale di questa sera (giovedì) nell’ambito della discussione del secondo punto all’ordine del giorno “Mozione relativa alla richiesta di revoca della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini”.

Piazza Vittoria antistante palazzo municipale è stata blindata per motivi di sicurezza. Presenti polizia locale, carabinieri e Digos.

Le motivazioni, in sintesi, avanzate dall’intero gruppo di maggioranza “Progetto Salò” sono le seguenti:

«L’unico modo, secondo noi, per debellare l’ideologia sbagliata del Fascismo è dimostrare con i fatti che la nostra idea di Stato, liberale e democratico, è quella giusta – hanno dichiarato – Per farlo bisogna lavorare seriamente, ascoltare pazientemente anche chi non la pensa come noi e convincerlo con le opere e l’esempio della bontà delle nostre idee. Mortificare l’avversario vinto, infierire su di lui, non lo elimina, ma lo rigenera. La riteniamo questa mozione strumentale e anacronistica, per questo votiamo contro e ce ne assumiamo serenamente ogni responsabilità».

 

La proposta di revoca avanzata per la prima nell’aprile 2019

«Venuti a conoscenza da un recente articolo di stampa che nel 1924 è stata concessa la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini e che tale concessione, mai revocata, rappresenta a livello storico e politico un grande significato simbolico tenuto conto in particolare degli eventi che portarono la Città di Salò a rappresentare simbolicamente uno dei momenti più bui della nostra storia, con la presente mozione si chiede che il Consiglio Comunale nella seduta del prossimo 8 aprile 2019 revochi tale cittadinanza onoraria». Questo quanto avanzò l’allora gruppo di minoranza “Scelgo Salò” capitanato da Stefano Zane. Richiesta che fu supportata da ex quattro sindaci: Riccardo Marchioro, Giuseppe Mongiello, Giovanni Cigognetti e Barbara Botti.

L’articolo in questione è stato pubblicato sul Corriere della Sera il 23 marzo 2019 e porta la firma del giornalista Pino Casamassima

La decisione della maggioranza fu quella di affrontarla dopo le amministrative di maggio 2019. Confermata alla guida della città, l’amministrazione è stata sollecitata ad esprimersi dall’attuale gruppo di opposizione “Salò Futura” guidata da Giovanni Ciato.

TORNA ALLA HOMEPAGE

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve