Olimpiadi invernali 2026: Collare d’oro del Coni a Fontana e Sala

Il governatore lombardo e il primo cittadino di Milano premiati a Roma insieme a Zaia e al sindaco di Cortina Ghedina.

Olimpiadi invernali 2026: Collare d’oro del Coni a Fontana e Sala
17 Dicembre 2019 ore 12:01

Ieri, lunedì 16 dicembre 2019, a Roma il sindaco di Milano Beppe Sala e il governatore della Lombardia Attilio Fontana hanno ricevuto dal CONI il “collare d’oro”, assieme al sindaco di Cortina Gianpietro Ghedina, al presidente veneto Luca Zaia. E’ il riconoscimento agli amministratori per aver creduto, fortemente voluto e conquistato le Olimpiadi di MilanoCortina2026.

Presidente Fontana nel gotha dello sport

“Orgoglioso di questo riconoscimento, Milano-Cortina traguardo conquistato con determinazione. Ora partire con le opere pubbliche. Questa è una giornata importante per me. Ho fatto sport tutta la vita, talenti pochini, oggi però recupero tutto con gli interessi”.

Così il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, durante la cerimonia di consegna dei Collari d’Oro al merito sportivo, al Foro Italico di Roma. Il prestigioso riconoscimento (che è la massima onorificenza del Comitato Olimpico Nazionale Italiano) è stato assegnato al governatore della Lombardia, per il lavoro svolto per l’assegnazione a Lombardia e Veneto dell’Olimpiade invernale Milano-Cortina 2026.

Leggi anche:  “I lodigiani avranno presto uno stadio sicuro”, investiti 200mila euro

E proprio sul percorso di avvicinamento ai Giochi invernali Fontana ha spiegato :

“Per ora sta andando tutto bene. Ci stiamo impegnando: c’e’ grande coesione, voglia di fare bene e obiettivi precisi. Il problema piu’ immediato e’ partire con le opere pubbliche: ho avuto incontri con il governo, sono convinto che presto cominceranno”.

Premiati anche gli atleti: ancora Pellegrini!

“Sono molto felice di aver ricevuto questo premio dopo un medaglia d’oro mondiali”, così Federica Pellegrini al Coni dopo aver ricevuto il Collare d’Oro.

Non manca uno sguardo verso Tokyo 2020: “Da gennaio lavoreremo a testa bassa e lavoreremo a più non posso perché tra sette mesi ci saranno le Olimpiadi. Sarà sicuramente l’ultima Olimpiade, se fossero state in Italia le prossime ci avrei pensato ma purtroppo non è così”. “Ci sono tantissime atlete oggi e sono molto contenta di vedere una fortissima quota rosa dello sport italiano, ci stiamo facendo valere e questo è molto bello”, ha concluso Federica Pellegrini.

TORNA ALLA HOME

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve