Menu
Cerca

Le proposte dei commercianti per le elezioni comunali

Le proposte dei commercianti per le elezioni comunali
Politica 30 Marzo 2017 ore 15:27

"L’Associazione Desenzano Sviluppo Turistico guarda al futuro della cittadina con una lunga serie di proposte atte a farla vivere oltre la stagione estiva". Questo l'inizio della lettera firmata da Desenzano Sviluppo Turistico.  Ecco i punti cardine del loro programma.

PARCHEGGI E MOBILITÀ L’accesso ai punti di interesse turistico del paese è di fatto l’obiettivo primario, migliorando la viabilità e la segnaletica, ma anche riconsiderando le tariffe dei parcheggi. A tal riguardo, si fa notare come gli stalli in prossimità del centro siano pochi, è quindi da valutare la realizzazione di nuovi posti auto, magari interrati sotto la Maratona, così come la creazione di un parcheggio centrale per i motoveicoli. I parcheggi esistenti devono essere più segnalati onde favorire accesso e deflusso, come nel caso del Vallone. Si ritiene opportuno inoltre modificare le tariffe della sosta, almeno da ottobre ad aprile, reintroducendo la prima ora gratuita, oppure inserendo la sosta gratuita dopo le ore 17, tale da agevolare le attività. Per la viabilità sul lungolago, si ritiene che solo nei 3 - 4 mesi estivi sia comprensibile una chiusura del traffico veicolare (escluso la domenica) solo nelle ore serali. Interessante sarebbe un lungolago a senso unico, in modo da utilizzare la corsia libera per varie opzioni: dalla pista ciclabile alla corsia dedicata a piccoli mezzi di collegamento turistici (come il trenino, che deve essere strumento di spostamento e quindi fare soste per far salire e scendere le persone), oppure la creazione di nuovi stalli, magari per carico/scarico. Se si vuole puntare su parcheggi in salita a centinaia di metri dal centro come il Vallone, si propone la realizzazione di un tappeto mobile. Andrebbe poi migliorato il decoro urbano alle fermate degli autobus, con una serie di servizi navetta che colleghino i parcheggi antistanti il Desenzanino fino a quelli delle spiagge di Rivoltella e andando a realizzare grandi parcheggi scambiatori all’ingresso della cittadina che, almeno nei week end, siano collegati con bus navetta al centro storico. Per la viabilità è interessante l’idea di far defluire il traffico attraverso via Mezzocolle fino alla tangenziale. Il che vuol dire rivedere la viabilità interna e in quest’ottica diviene comprensibile l’esigenza di rendere il lungolago a senso unico, con una percorrenza che dalla Spiaggia Feltrinelli arrivi alla Maratona, trasferendo il deflusso sulla via alta, deviando in via Mezzocolle. Gli spostamenti da e per le discoteche limitrofe dovranno essere supportati da servizi pullman frequenti, potenziandoli nel periodo estivo, per giovani e turisti. Infine andrebbe amplificata la rete ciclabile su tutto il territorio, anche nella direzione del centro con percorsi ciclabili.

PLATEATICI Andrebbe valutato l’ampliamento dei plateatici nel periodo estivo e, contestualmente, agevolarne il costo, per i locali aperti tutto l’anno. Si auspica anche la possibilità di chiuderli nella bassa stagione con frangivento e con regole ben chiare, per rendere viva la cittadina anche d’inverno. A tal proposito andrebbe rivalutato tutto il piano dei plateatici laddove vi siano stati problemi con le singole attività. Infine andrebbe rivalutata anche Piazza Matteotti come zona plateatici, con interventi sulle aiuole.

SPIAGGE Tra le proposte quella di fare una bella e unica spiaggia, unendo Spiaggia Feltrinelli con Spiaggia Desenzanino, per rendere il lago più accessibile. A ciò si aggiunge il “dovere” di valorizzare la spiaggia, con più servizi di pulizia e di igiene, soprattutto dopo le tempeste e il forte vento, garantendo l’acqua pulita sia in spiaggia che al porto. Si potrebbe inoltre fare una piscina o più piscine per grandi e piccoli con relativi spazi da gioco, arredando le spiagge avvalendosi di tecnici competenti; dare attracchi alle barche rendendo l’accesso al vicino porto più comodo, per accogliere i turisti in un vero relax. Fondamentali, oltre ai lavori di manutenzione e abbellimento delle spiagge auspicati, sono però le acque pulite, cosa per cui l’associazione sosterrà qualsiasi iniziativa volta all’eliminazione degli scarichi a lago nonché tutte quelle volte a tutelare le acque. L’associazione guarda con favore all’iniziativa privata di ricercare le acque termali anche a Desenzano e spera che la futura amministrazione voglia sostenere questo ambizioso progetto volto a qualificare la cittadina facendola diventare un importante centro termale.

LICENZE e TASSA DI SCOPO Stop alle licenze libere di pubblico esercizio, evitando così la stagionalità, che rappresenterebbe un forte problema per la cittadina. Desenzano non deve essere solo un luogo in cui la presenza di pizzerie, gelaterie, ristoranti e via dicendo la fanno da padrone, ma deve mantenere la sua unicità anche con i negozi di qualità. Si pensa di introdurre una tassa di scopo, obbligatoria per tutte le attività commerciali, in cui la gestione dei ricavi, oltre che compensare parte dei mancati introiti, derivanti da una più lieve gestione tariffaria dei parcheggi, deve essere gestita da una consulta che rappresenti le attività del luogo e destinati integralmente ai progetti proposti da questi ultimi.

EVENTI Si rende necessario avvalersi di professionisti per realizzare un programma più intenso nella bassa stagione, soprattutto nel periodo natalizio e, perché no, dare vita ad un Carnevale (che non c’è mai stato) attraverso un’offerta accattivante facendo sì che gli albergatori tengano aperti gli hotel. È fondamentale, oltre ad avvalersi di esperti, la programmazione (pochi giorni dopo il Natale si deve già pensare a quello successivo). Un’altra idea è quella di collegare maggiormente il Castello alle del centro, valorizzando i vicoli di collegamento tra lago e parte alta, per caratterizzare il centro anche nel periodo di bassa stagione. È importante collaborare con i gruppi locali che fanno cultura. L’associazione gradirebbe maggiore collaborazione tra le varie piccole realtà, al fine di realizzare progetti più ampi. A tal fine auspica la creazione di una consulta delle associazioni culturali e sportive per organizzare eventi sportivi nazionali di alto livello (scacchi, go-kart, tiro al piattello, biliardo, golf e via dicendo). E ancora implementare gli eventi enogastronomici; ma anche potenziare il rapporto con Navigarda, cresciuto in questi anni, con cene a tema con l’ausilio dei ragazzi delle scuole alberghiere. Tra le proposte interessanti anche quella di ideare un evento per ogni domenica pomeriggio, creando attrattive sul lungolago, come ad esempio raduni di Harley Davidson, Ferrari, Porsche ecc, installare banner elettronici all’ingresso della città per promuovere le kermesse e aumentare i gemellaggi.

CASTELLO, VILLA ROMANA e TEATRO Altro intervento “doveroso” sarebbe quello di valorizzare il Castello e la Villa Romana. All’ingresso dei luoghi di un certo pregio si auspica la presenza di personale professionale che offra un’impeccabile accoglienza e che conosca le diverse lingue per fare da guida. Da valutare lo spostamento del museo archeologico Rambotti nel Castello e utilizzare il museo per altri eventi, per esempio grandi mostre di opere di alto livello. Collaborare con il Teatro Alberti, che vanta più di 400 posti, organizzando congressi importanti e con il Vittoriale per creare eventi anche in bassa stagione da pubblicizzare il più possibile.

DECORO URBANO, ACCOGLIENZA e ACCESSIBILITÀ Va garantito l’accesso a chi ha difficoltà a muoversi autonomamente, abbattendo le barriere architettoniche. L’orario del palazzo turistico dovrebbe essere continuato. La pulizia e il decoro urbano sono elementi imprescindibili, così come va assolutamente migliorata l’illuminazione serale nei parcheggi del porto e del lungolago (che attualmente scarseggia). Andrebbero incoraggiati alcuni investimenti per gli ingressi e le rotonde del centro e delle frazioni con aiuole curate e fiorite che rendano l’idea di località turistica, valorizzando il paesaggio, coinvolgendo magari gli studenti della facoltà di architettura. Infine si chiede maggiore elasticità da parte delle forze di polizia urbana nei confronti del turista. Da eliminare qualsiasi episodio di accattonaggio e di parcheggiatori abusivi.

RIFIUTI Sono richiesti più passaggi con i mezzi di raccolta, soprattutto nei luoghi più frequentati, valutando anche l’ipotesi di un passaggio serale (dopo la mezzanotte) per evitare l’accatastamento fuori dalle attività, soprattutto nei centri urbani. Da rivedere l’orario della spazzatrice di Garda Uno, che spesso crea disturbo, avvalendosi della collaborazione del personale umano – più silenzioso – in particolare a certi orari mattutini. Valutare l’uso di nuovi mezzi di Garda Uno con scompartimenti 3 in 1 (plastica/umido/secco…) per abbattere i costi e limitare la presenza, soprattutto nei centri storici, dei vari sacchi.

CENTRI COMMERCIALI Evitare lo sviluppo di ulteriori centri commerciali, tutelando piuttosto le botteghe del centro, per le quali si dovrebbe attivare una politica che le aiuti a sopravvivere anche in bassa stagione, tramite uno studio approfondito di marketing. SICUREZZA Potenziare le telecamere, che possano identificare chiunque, persino le targhe dei veicoli in transito. Aumentare durante la notte la vigilanza, anche con l’ausilio di forze dell’ordine. Ultime proposte, non meno importanti: miglioramenti dal punto di vista amministrativo, come l’istituzione di un assessore unico che si occupi di cultura e turismo e l’inserimento di un tecnico specializzato nell’individuare, e nell’evitare di conseguenza, gli sprechi.


Necrologie