trekking

Ferragosto all’aria aperta sui sentieri panoramici del lago d’Iseo

Alcuni spunti per trascorrere il week end di Ferragosto ammirando le bellezze del nostro territorio.

Ferragosto all’aria aperta sui sentieri panoramici del lago d’Iseo
Sebino e Franciacorta, 13 Agosto 2020 ore 08:57

E’ sempre un buon momento per passeggiare immersi nel verde e perché non farlo proprio a Ferragosto? Il lago d’Iseo offre sentieri e percorsi di diversa difficoltà adatti a tutte le età e ai diversi gradi di preparazione fisica. Di seguito ne proponiamo alcuni: la vista che si può godere dai sentieri che corrono sulle pendici dei monti bresciani e bergamaschi è unica, da restare a bocca aperta… non solo per il fiatone.

Ferragosto a… Santa Maria del Giogo

Si tratta di una passeggiata facile e adatta a tutti. Si raggiunge Polaveno, frazione Zoadello, e si imbocca in macchina via Santa Maria del Giogo. Dopo un paio di minuti, nei pressi di un tornante ci sono dei parcheggi sulla destra. Da lì si prosegue a piedi lungo il sentiero. La passeggiata, molto semplice, si addentra nel bosco e dopo circa 30/40 minuti si arriva al Santuario, da cui si gode ancora una volta di una meravigliosa vista sul lago. Ci sono un’area pic-nic e un piccolo rifugio alpino. Volendo è possibile anche continuare lungo la cresta della montagna fino al monte Guglielmo.

Corna Trentapassi

Benché sia più faticosa (il livello di percorrenza è medio-difficile e la salita costante) i panorami che regala sono davvero spettacolari e ripagano della fatica fatta. La camminata per raggiungere la Corna Trentapassi, un vero e proprio balcone naturale affacciato sul lago, parte da Zone e sale con una pendenza pressoché costante fino a raggiungere i 1.200 metri circa. In via Aldo Moro c’è un piccolo parcheggio gratuito e da lì si prosegue a piedi seguendo sempre le indicazioni per la Corna e il segnavia Cai numero 229. Dopo la mulattiera il percorso si trasforma in un sentiero, prima immerso nel bosco e poi con vista mozzafiato sul lago. La camminata dura circa 1 ora e mezza, 2 ore se si procede con calma. E’ consigliato indossare scarponcini da montagna e portarsi una felpa. Arrivati in cima si potrà godere di una vista a 360 gradi sul lago, sulla Vallecamonica e le altre montagne circostanti.

Via Valeriana

La via Valeriana è l’antica strada che un tempo costituiva l’unico collegamento tra il lago d’Iseo e la Valle Camonica. Oggi costituisce una piacevolissima camminata sulla sponda bresciana del lago che alterna splendidi scorci del Sebino a piccoli borghi. La camminata completa costeggia l’intera sponda del lago, da Pilzone a Pisogne, ma se ne può percorrere anche un solo tratto. Appena superata la piazza di Pilzone, venendo da Iseo, sulla sinistra ci si trova dei parcheggi gratuiti e sulla destra una breve scalinata con l’indicazione per la via Valeriana. Il tratto che porta a Sulzano è pianeggiante, adatto a tutti e regala viste ravvicinate su Montisola.

Monte Guglielmo

Si tratta di una camminata impegnativa. Per raggiungere la cima del Monte Guglielmo (1.949 metri) ci sono diversi sentieri, ma in ogni caso occorrono almeno 2 ore e mezza, la pendenza è costante e a tratti parecchio ripida. Ma gli scenari che regala questo trekking sono davvero impagabili.

Uno dei percorsi più lunghi, ma anche uno dei più soddisfacenti, è quello che parte da Zone. In prossimità del tornante su via Panoramtica c’è un parcheggio gratuito. Lasciata l’automobile si seguono le indicazioni per il cosiddetto Bosco degli Gnomi, anch’esso molto suggestivo. Si continua poi a seguire il tortuoso sentiero che regala splendidi panorami anche prima di raggiungere la cima.

monte gugliemo

Il secondo percorso invece parte dal rifugio Croce di Marone, raggiungibile seguendo sempre le indicazioni per Zone e deviando sulla destra poco prima di arrivare al paese. Da qui si prosegue per circa 7 chilometri. La stradina è molto stretta ed è meglio percorrerla con una macchina non troppo bassa. Raggiunto il rifugio, posto a circa 1.100 metri sul livello del mare, parte la camminata, più breve e meno impegnativa della prima, che in circa 2 ore porta sulla cima del Monte Guglielmo.

Santuario della Madonna del Corno

Questa camminata si trova nel Comune di Provaglio d’Iseo e comincia da via XXV Aprile, nei pressi della chiesetta di San Bernardo. E’ breve (30 minuti circa) ma piuttosto ripida nel primo tratto. Successivamente si attraversa il pacifico Pian delle Viti per poi arrivare al Santuario della Madonna del Corno. Da qui si gode di una splendida vista sulla Riserva naturale delle Torbiere del Sebino. Proseguendo verso la croce di Provaglio si potrà scorgere oltre gli alberi il lago, che ancora una volta si mostra in tutta la sua bellezza.

Punta Almana

Per una visione davvero panoramica e completa del lago d’Iseo non c’è niente di meglio che la Punta Almana. Sicuramente è tra le camminate più impegnative, ma il panorama ripagherà tutta la fatica. Si raggiunge la frazione di Portole, a Sale Marasino, dove si può parcheggiare in corrispondenza di una trattoria, dove si trova l’immagine di una cartina con indicato il percorso. Guardando la cartina bisogna prendere la mulattiera sulla sinistra seguendo le indicazioni per la Forcella di Sale. Dopo una ventina di minuti si arriva un bivio, si gira a sinistra continuando a seguire le indicazioni per la Forcella di Sale. La strada è asfaltata, ma parecchio ripida. Dalla Forcella (ci vogliono circa due ore) il sentiero diventa più panoramico e scenografico alternando tratti pianeggianti a brevi salite. Dopo un’altra ora circa si scorge la croce, che indica l’arrivo a Punta Almana, situata a 1.309 metri sul livello del mare. Per il ritorno si può seguire la strada fatta all’andata oppure completare l’anello prendendo il sentiero che scende verso Pezzuolo. Questo tratto è leggermente più esposto, ma niente di difficile, basta stare attenti a dove si mettono i piedi senza farsi troppo distrarre dalla bellezza del panorama. Per scendere ci si impiega circa la metà del tempo, quindi per completare l’anello occorrono circa 5 ore.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia