Economia

Tracking internazionale, per avere una cronologia completa

Tracking internazionale, per avere una cronologia completa
Economia 19 Agosto 2021 ore 09:01

Uno dei problemi più comuni con le spedizioni internazionali è il ritardo nella consegna. Infatti, non tutto è express. A volte, ci vogliono mesi. A volte, sembra che il tempo si fermi e il pacco non arrivi mai. Questo succede soprattutto con gli ordini di e-commerce internazionali.

Spesso, la merce arriva da paesi lontani, come la Cina. Certo, il prezzo finale è conveniente ma a volta ne risente la velocità di consegna. In questo caso, è necessario usare un servizio di tracking internazionale e scegliere quello giusto per le proprie necessità e budget.

Le difficoltà della logistica

Durante il controllo del “tracking number” (numero di tracciabilità), compare la cronologia della spedizione. Nella cronologia, potete trovare diverse descrizioni. A volte, il pacco risulta “consegnato,” ma voi non avete ricevuto ancora niente. A volte, il vostro ordine risulta fermo in magazzino per giorni. Spesso, il tempo di consegna è più lungo del previsto.

Senza dubbio, la logistica di consegne internazionali ha i suoi problemi per i corrieri. Questi sono alcune della difficoltà per le compagnia:

  • Dazi doganali
  • Commissioni extra e inaspettate
  • Documenti mancanti al passaggio della frontiera
  • Pacco fermo nell’ufficio postale locale
  • Permessi mancanti
  • Ritardo nell’aggiornare il tracking internazionale

Per tutte queste ragioni, un pacco può tardare, anche mesi. L’arrivo della pandemia non ha certo facilitato la situazione.

L’effetto pandemia nelle spedizioni

Infatti, non sono limitati solo i movimenti delle persone, ma anche quelli dei pacchi e degli ordini di e-commerce. Garantire la sicurezza dei corrieri e dei destinatari è cruciale durante la pandemia. E questo significa limitare i contatti, quando possibile.

Alcune destinazioni sono in lockdown e, in questo caso, non tutti i corriere effettuano la consegna. Semplicemente, il pacco torna al mittente. Delle aziende hanno anche applicato dei supplementi temporanei per le spedizioni internazionali. Questi supplementi sono validi per le merci pesanti e sono una modalità di garanzia e sicurezza.

Per la pandemia, le pratiche doganali sono rallentate. Nel caso dell’Italia, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli richiede l’autocertificazione necessaria prima di rilasciare la merce. Mentre alcuni pacchi medici o sanitari hanno dei supplementi aggiuntivi. Senza questi, l’ordine rimane alla dogana.

Per risolvere alcune di queste problematiche, è importante l’uso del tracking internazionale.

Tracking internazionale, di cosa si tratta

È il numero di tracciabilità, disponibile per ogni ordine e spedizione internazionale. Con questa cifra unica, gli utenti possono controllare dove si trova il pacco e la cronologia completa della spedizione.

I destinatari non hanno bisogno di fare nulla per ottenere il loro tracking internazionale. E non ha nessun costo extra. Appena la compagnia di spedizioni ritira l’ordine dal magazzino, l’utente riceve il proprio numero. Di solito, lo riceve via email. L’email include il tracking internazionale e un link per controllare la consegna direttamente.

È possibile tracciare la spedizione ovunque nel mondo, con un semplice click, sia dal sito del corriere che da quello di un intermediario. Entrambe le modalità permettono di avere la cronologia completa.

Insomma, è un metodo garantito e sicuro per rintracciare ogni pacco. Pandemia o no, le spedizioni internazionali arrivano sempre.

Necrologie