Menu
Cerca

Sant’Antonio, una nuova scuola ecosostenibile

Sant’Antonio, una nuova scuola ecosostenibile
Economia 15 Gennaio 2017 ore 12:00
Una scuola completamente nuova per le frazioni di Ro, Santa Giustina e Sant’Antonio. L’opera costerà 3 milioni di euro di cui 1 milione 500 mila euro a fondo perduto da un bando regionale e 1 milione e 500 mila euro a spese del Comune di Montichiari.
 
Una realtà scolastica ecosostenibile, nel totale rispetto delle norme antisismiche, ma più che di un ampliamento è il caso di dire che si tratta di una riqualificazione del vecchio edificio che ha ormai oltre 70anni e della costruzione di altre due strutture proprio a ridosso di questo.
 
«L’intervento prevede una riqualifica della struttura già esistente - ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Beatrice Morandi -. Non è possibile intervenire troppo dal momento che sull’edificio esiste un vincolo dettato dall’età della struttura. Di fianco sorgerà un edificio completamente nuovo con cinque aule spaziose e luminose. In questo progetto siam stati molto attenti all’ambiente e alla didattica. Ogni aula infatti verrà dotata di una grande vetrata che affaccia su dei piccoli giardini, uno per ogni aula, dove grazie a piante e fiori i bambini potranno rendersi conto del cambiamento di stagione. Al fianco delle aule sorgerà un’altra struttura, una palestra attrezzata e tra i due edifici verrà allestito un campo da gioco per fare in modo che gli alunni possano svolgere attività anche all’area aperta. Importante sottolineare che gli edifici, quello dove sorgeranno le aule e quello dedicato alla mensa, saranno ricoperti da un involucro verde, ovvero un prato vero e proprio. Questo perché permette di dare una miglioria all’estetica e al clima circostante, inoltre abbiamo anche riscontrato che la manutenzione ordinaria del prato avrà un impatto minimo sui costi. Un altro punto a favore di questo nuovo progetto è il patio che sorgerà tra la vecchia e la nuova struttura. Questo spazio offrirà la possibilità alle insegnanti e agli studenti di trascorrere qualche ora, durante le belle e calde giornate, fuori a fare merenda».


Necrologie