La locomotiva lombarda corre, ma col freno tirato

La locomotiva lombarda corre, ma col freno tirato
29 Settembre 2016 ore 19:10

La locomotiva lombarda ha ripreso la corsa; ma è presto per cantar vittoria e mettere la parola “fine” a una crisi che ha lasciato molte più ferite di quel che si potesse immaginare. Anche perché ci sono ancora alcuni segnali che invitano alla prudenza. I dati relativi all’analisi congiunturale di Unioncamere del secondo trimestre dell’anno evidenziano un’accelerazione della crescita della produzione industriale, con variazioni congiunturale (+0,8% dato destagionalizzato1) e tendenziale (+2,2%) entrambe superiori ai risultati dello scorso trimestre e della media 2015. Andamento positivo anche per le aziende artigiane manifatturiere che registrano un miglioramento a livello congiunturale (+0,8%) e un’accelerazione (+1,8%) rispetto a un anno prima. Tra le industrie, i settori che stanno “tirando” sono in particolare pelli-calzature (+7,1%), siderurgia (+4,7%), meccanica (+3,2%) e tessile (+3,0%), mentre stanno ancora frenando la ripresa solo industrie varie (-2,8%), abbigliamento (-1,9%) e alimentari (-0,6%). A livello artigianale, invece, i settori in espansione sono in particolare meccanica (+3,4%), seguita da gomma-plastica (+2,1%) e legno-mobilio (+2,0%). Anche i fatturati presentano numeri positivi.


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia