INCHIESTA: Stipendi ricchi per i dirigenti

INCHIESTA: Stipendi ricchi per i dirigenti
Economia 23 Gennaio 2017 ore 11:42

Anche le aziende sanitarie devono svelare i propri conti.

Retribuzioni, tassi di assenza, consulenze: ciascuna Amministrazione pubblica sul proprio sito istituzionale, in una parte chiaramente identificabile della sezione «Amministrazione trasparente», i dati sui propri pagamenti e ne permette la consultazione in relazione alla tipologia di spesa sostenuta, all’ambito temporale di riferimento e ai beneficiari.

Una novità che ha reso molto più semplice per il singolo cittadino accedere ai documenti di gestione della «cosa pubblica», senza il problema del foglio di carta o della stampante inceppata.
Basta utilizzare il web, e in ogni sito istituzionale di un ente pubblico deve esserci la sezione «Amministrazione trasparente» dove obbligatoriamente saranno presenti atti e determine.

E’ così possibile sapere quanto guadagnino in un anno i dirigenti impegnati nelle sanità pubblica, quanti e quali tipi di collaborazioni esterne vengano richieste e pagate, oltre ad avere la possibilità di leggere i curricula degli amministratori.

Un esempio lo offrono le Ats dei vari distretti, Garda, Montichiari, Val Padana, che gestiscono gli ospedali della zona.

Sul portale istituzionale dell’azienda, infatti, si trovano i documenti relativi agli incarichi di consulenza individuale, le retribuzioni dei dirigenti di struttura complessa, e quelle dei direttori generali.

In edicola tutti i compensi lordi per l'anno 2016 dei dirigenti delle nostre strutture ospedaliere.


Necrologie