Menu
Cerca

Il futuro è dello smartworking? Le prospettive e l’impatto sul quotidiano

Il futuro è dello smartworking? Le prospettive e l’impatto sul quotidiano
Economia 03 Giugno 2021 ore 09:33

In questo periodo storico sono numerose le persone che sono state costrette a lavorare in smart working, svolgendo le proprie mansioni lavorative all'interno delle mura domestiche. Molti sono stati i vantaggi riscontrati da coloro che da ormai più di un anno coniugano casa e ufficio; tra questi il risparmio di tempo e denaro per gli spostamenti e il miglioramento nel bilanciamento tra vita professionale e privata. Ma sono stati provati anche alcuni svantaggi e fattori di stress, come il sovraccarico di lavoro e il rischio di chiudersi in sé stessi senza avere un contatto umano con persone al di fuori della propria famiglia.

Come organizzare il lavoro al meglio

Per poter lavorare in smart working con il massimo dell'efficacia è necessario dotarsi di tutti gli strumenti giusti per svolgere il lavoro nel migliore dei modi senza subire eccessivi effetti collaterali. In primo luogo è fondamentale allestire una postazione che possa assicurare il massimo del comfort, tentando di posizionarla in un luogo appartato dove sia possibile concentrarsi senza essere disturbati da nessuno. L'ideale sarebbe posizionarla in uno spazio marginale della casa, così da non avere la percezione di non aver mai cambiato location per tutto il giorno. Importante è anche valutare una tra le offerte per avere il wifi illimitato, come quella proposta da Linkem ad esempio, così da assicurarsi una connessione stabile in ogni momento della giornata lavorativa. L'organizzazione è essenziale per tenere il livello di stress sotto controllo e svolgere quelle che sono le attività quotidiane con la maggiore serenità possibile, cercando di creare una routine equilibrata che non risulti eccessivamente opprimente a lungo termine.

Il futuro da remoto

La maggior parte degli esperti sono concordi sul fatto che saranno poche le imprese del futuro che rinunceranno allo smart working, si calcola meno del 6%. Questo perché si è compreso che molti dei meccanismi impiegati erano decisamente troppo macchinosi e in questo modo la procedura risulta decisamente snellita e ridotta nei costi. Rinunciare a interi uffici consente di investire maggiormente in altri comparti aziendali, come ad esempio la formazione digitale e l'utilizzo di una tecnologia più avanzata per massimizzare il business in tempi decisamente più brevi. Il 2020 lascerà pertanto una traccia decisamente profonda in tutte quelle che sono le metodologie applicate dalle piccole, medie e gradi aziende, che per ogni livello di competenza cercheranno di utilizzare quanto appreso per necessità trasformandolo in una risorsa utile per il futuro. Dai dipendenti ai quadri dirigenziali sarà certamente maggiore la rotazione, che prevederà periodi di smart working e attività svolte direttamente in sede.

Saper gestire la propria vita in smart working non è affatto una questione semplice, ma può volgere in positivo se si attuano una serie di espedienti per rendere l'ambiente funzionale come un vero ufficio.

Necrologie