Brescia

Studio per la Città dei Miti

Confronto fra Teatro e Territorio per il rilancio della'Area di via Milano

Studio per la Città dei Miti
Brescia, 01 Settembre 2020 ore 16:43

Presentato questa mattina in conferenza stampa nella sede del Ctb a Brescia il progetto “Studio per la Città dei Miti”. Sono intervenuti: Gian Mario Bandera – Direttore Centro Teatrale Bresciano, Laura Castelletti – Vice Sindaco e Assessore alla Cultura Comune di Brescia, Domenico Bizzarro – Presidente Cooperativa La Rete e Gianpiero Borgia – Regista Compagnia Teatro dei Borgia. Il Centro Teatrale Bresciano e la Cooperativa La rete, con la collaborazione artistica del Teatro dei Borgia, presentano Studio per La Città dei Miti, il primo step di un articolato percorso di creazione, riflessione e produzione artistica e teatrale intorno ad alcuni grandi temi del nostro presente, che si inscrive nelle azioni culturali di rilancio dell’Area di via Milano inserite nel Bando Oltre la strada promosso dal Comune di Brescia.

Il progetto

Il progetto si basa su un serrato confronto tra la lezione dei classici e l’analisi scrupolosa della realtà contemporanea, costruendo un’analogia tra un personaggio della mitologia e un suo corrispettivo iconico nel presente, e individuando alcune tematiche socio-politiche da approfondire. La Città dei Miti è un percorso creativo teatrale che si costruisce attraverso le esperienze di studio e ricerca sul campo degli artisti e grazie al dialogo con la cittadinanza e con i numerosi soggetti che a livello istituzionale, culturale e sociale lavorano sul territorio nell’ambito del sostegno al disagio. Il progetto culminerà nella presentazione nell’estate 2021 di una trilogia di spettacoli distinti e indipendenti ma interconnessi; tre percorsi teatrali ed esperienziali che accompagneranno gli spettatori nei luoghi dell’emarginazione, illuminando il panorama urbano di Via Milano attraverso la lente del mito.

Le prove degli spettacoli

Presso gli spazi del Bistrò popolare di via Industriale 14 a Brescia – nel cuore del Comparto Milano oggetto di un importante rilancio urbanistico sociale e culturale grazie al Bando Oltre la strada – la compagnia Teatro dei Borgia , sotto la guida del regista Gianpiero Borgia, darà vita a una prima sessione di workshop di studio, ricerca e preparazione. I tre spettacoli – la cui drammaturgia è opera del drammaturgo residente del CTB Fabrizio Sinisi – oggetto del laboratorio saranno Medea per strada, con Elena Cotugno, che lavora sul tema della “tragedia dello straniero” raccontando la storia di una giovane donna migrante, finita nel racket della prostituzione per amore di un uomo da cui si crede ricambiata e da cui ha due figli; Eracle, l’invisibile, con Christian Di Domenico, che affronta il tema della “tragedia della paternità” raccontando la storia di un padre, la cui vita inciampa in un evento imprevisto e lo precipita nell’agone del declino economico dei genitori separati; Filottete, dimenticato, con Daniele Nuccetelli, che descrive il tema della “tragedia della vecchiaia”, raccontando la storia di un uomo anziano affetto da demenza, e condannato all’emarginazione e all’isolamento dalla comunità prima e dalla famiglia poi. Il 3, 4, e 5 settembre saranno dunque presentati in successione e in forma di prova aperta i primi esiti del lavoro di ricerca sui tre spettacoli (Medea ore 18.00; Eracle ore 19.30; Filottete ore 21.30), dando poi la possibilità alla platea di invitati e operatori di discutere e confrontarsi a tutto campo con gli artisti per approfondire le tematiche affrontate, raccogliere suggerimenti e indicazioni e avviare possibili sinergie per lo sviluppo del lavoro di ricerca creativa.

Per partecipare

Per le persone facenti parte delle categorie indicate tra gli stakeholders è possibile richiedere la partecipazione gratuita alle prove aperte del 3, 4 e 5 settembre mandando una mail con richiesta di iscrizione a organizzazione@centroteatralebresciano.it. I posti a disposizione sono limitati. Per maggiori informazioni: 030 2928617.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia