Stasera dolce: LA MANTOVANA (ecco la rapida ricetta)

Stasera dolce: LA MANTOVANA (ecco la rapida ricetta)
Cultura 13 Gennaio 2017 ore 17:55

Il dolce originariamente utilizzava i fichi, ma in questa variazione vengono sostituiti dalle mandorle . E’ proprio su questa fulminea associazione di ingredienti che nasce questa ricetta. Dunque non una raffinata crostata con crema frangipane, non un dolce interamente realizzato con questo tipo di frutta secca e chissà quali artifici, ma una genuina mantovana.

Una torta che spiazza per la sua semplicità e, al tempo stesso, conquistata per la sua trama fine, per il profumo delicato e la sua rustica eleganza. Qui nella versione che compare da sempre sulle tavole della mia famiglia, che differisce dalla ricetta è stata presa come riferimento quella dell’ per una piccola quota di fecola di patate e per un accenno di vaniglia che va a donare un lieve sostegno al limone.
Per cambiare un po’ le carte in tavola si gioca sul formato e sulla presentazione, accompagnando queste monoporzioni con una noce di ricotta, appena dolcificata con zucchero a velo, e fichi. Ad irrorare il tutto, una salsa al moscato passito che andrà a rendere più fluido l’assaggio. Un dolce che può ricordare per forma e presentazione alcuni dolci tipici della pasticceria anglosassone, ma che è tutto italiano e tenta di rendere più contemporanea una ricetta importante della nostra tradizione.

LA PREPARAZIONE

Iniziamo portando ad ebollizione l’acqua in una piccola casseruola immergendo le mandorle per qualche minuto. Scolatele e sfregatele tra i lembi di un canovaccio in modo da agevolarti nell’operazione di eliminare la pelle. Tamponatele con della carta da cucina, tritatele con un coltello e fate lo stesso con i pinoli, lasciandoli più grossolani. Nel frattempo fondete il burro a bagnomaria oppure nel microonde.In una ciotola sbattete le uova con lo zucchero semolato fino a quando otterrete un composto bianco e soffice. Aggiungete i semi di vaniglia e la scorza di limone. Incorporate a più riprese la farina e la fecola setacciate insieme al lievito. Da ultimo unite il burro, poco alla volta, mescolando con cura con una spatola fino a rendere il composto omogeneo.Versate il tutto all’interno di stampi monoporzione, imburrati e infarinati, riempiendoli per ¾. . (300 g di ricotta, zucchero a velo qb 5-6 fichi) Cospargete con le mandorle e i pinoli tritati e cuocete nel forno già caldo a 180° per circa 20 minuti. Per testare la cottura vale la prova stecchino. Fate raffreddare completamente prima di sformare. Nel frattempo preparate la salsa (2 dl di moscato passito, 1 cucchiaio di glucosio, 50 g di zucchero semolato ): in una casseruola alta e stretta dal fondo pesante versate il vino e fate evaporare l’alcool. Aggiungete quindi il glucosio e lo zucchero, portate ad ebollizione e lasciate sul fuoco fino a quando la salsa si sarà ridotta ad 1/3 del suo volume iniziale. Servite le mantovane insieme alla ricotta mescolata con zucchero a velo a piacere e completate il tutto con i fichi freschi tagliati a spicchi irrorando con la salsa.


Necrologie