Dal 6 al 12 settembre

Palio delle Quadre: un’edizione all’insegna di rispetto e sicurezza

Nessun drappo e nessuna corsa finale, ma un quadro donato all'Asst Franciacorta.

Palio delle Quadre: un’edizione all’insegna di rispetto e sicurezza
Bassa, 01 Settembre 2020 ore 13:37

Sarà un’edizione alternativa e non competitiva, ma nonostante la pandemia in corso, la 42esima edizione del Palio delle Quadre si farà. Rispetto e sicurezza saranno parole d’ordine.

Palio delle Quadre: un’edizione all’insegna di rispetto e sicurezza

La conferenza stampa si è tenuta questa mattina, in sala Repossi, alla presenza dei rappresentati e presidenti di Cortezzano, Marengo, Zeveto e Villatico, del sindaco Massimo Vizzardi e dell’assessore Chiara Facchetti. Assente per motivi lavorativi il consigliere con delega alle Quadre, Ludovico Goffi.

È stato uno sforzo imponente e certosino quello dell’Amministrazione comunale e delle quattro Quadre per riuscire a offrire alla cittadinanza l’evento simbolo della propria identità e della propria tradizione. Ovviamente, sarà un’edizione speciale (e già di per sé da iscrivere negli annali): infatti, anche la giostra medievale non può non fare i conti con l’attuale pandemia mondiale da Covid19. Un momento storico che farà di questo Palio un unicum nella storia clarense.

Un pensiero all’Asst Franciacorta

Tra le principali novità per il 2020 ci sarà la non competitività della corsa: in un frangente in cui la città è chiamata alla cooperazione e all’unione, anche il Palio farà la sua parte e la corsa ne sarà l’esempio. Non a caso, per questa edizione è stato pensato un Palio ad hoc: un’opera dell’artista Luca Dall’Olio, che vuole essere la rappresentazione della straordinarietà non solo delle Quadre 2020, ma di tutto il particolare momento che stiamo vivendo. Proprio per questo, l’opera verrà simbolicamente donata all’ospedale Mellino Mellini come testimonianza per il futuro della riconoscenza della città nei confronti di chi ha combattuto in prima linea per la salute di tutti.

Del resto, questa festa ha sempre suscitato in molti un forte senso di comunità che oggi si affianca al rispetto per tutti i concittadini e per quegli operatori che nei mesi scorsi hanno dovuto affrontare in prima persona questa terribile pandemia, spesso con epiloghi drammatici. Ecco perché questo Palio 2020 non punterà sul folklore in quanto tale, ma contribuirà a donare attimi di spensieratezza che possano sostenere la ripresa della vita di tutti.

La completa digitalizzazione

L’altra grande novità di questa 42esima edizione sarà la sua completa digitalizzazione. Infatti, per permettere a tutti i clarensi (e non) di godere della settimana del Palio senza creare assembramenti, è stato stabilito che gli eventi saranno aperti a poche persone su invito o prenotazione, ma verranno trasmessi via streaming sui canali social del Comune di Chiari. La diretta sarà un modo alternativo e innovativo per dare a tutti la possibilità di essere partecipi, in totale sicurezza. Lo scopo è mantenere il massimo rispetto per le direttive sanitarie che permangono nella socialità di tutti i giorni: imprescindibili perché rappresentano la prima forma di tutela.

Il calendario

Anche per questo, il calendario degli eventi del Palio vedrà svolgersi solo gli appuntamenti fondamentali. Tra questi, la messa di apertura (domenica 6 settembre), la 34esima gara internazionale di salto con l’asta (lunedì 7 e martedì 8 settembre), il concerto della Celtic Harp Orchestra (mercoledì 9 settembre), l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Musici di Zeveto (giovedì 10 settembre) e infine lo spettacolo e il Palio Simbolico (sabato 12 settembre).

In particolare, il concerto del 9 settembre s’intitolerà Concerto della Riconoscenza: un omaggio musicale dedicato alle realtà del territorio che hanno operato in prima linea durante la fase più tragica dell’emergenza sanitaria e i cui rappresentanti saranno presenti su invito. Mentre per la serata clou, quella di sabato 12, saranno il Corpo Musicale G.B. Pedersoli, gli Sbandieratori e i Musici di Zeveto e i performer di Danza Studio di Sonia Mura a regalare lo spettacolo di quest’anno: un appuntamento per il quale ci saranno posti disponibili per la cittadinanza su prenotazione.

Il tutto nello spirito che già da settimane pervade la città: quello di unione e di voglia di ricominciare tutti insieme, simboleggiato dalle bandiere gialle, rosse, verdi e blu delle Quadre che quest’anno sono appese per tutta Chiari mescolate tra loro, dall’ex Comune che verrà illuminato con i colori della bandiera italiana, mentre come di consueto la Torre Civica sfoggerà i colori delle quattro Quadre.

Niente cibo, rispetto per gli esercenti

Nel rispetto verso gli esercenti locali, una delle categorie più danneggiate dalla crisi in atto, di concerto con i presidenti delle Quattro Quadre si è ritenuto corretto evitare ingerenze nei confronti dei locali di somministrazione che stanno faticosamente ripartendo.

Concorso vetrine

Inoltre, anche quest’anno si terrà il Concorso Vetrine: dal 6 al 12 settembre, tutti i negozi che lo vorranno sono chiamati ad allestire le proprie vetrine seguendo il tema «Quattro Quadre, una sola comunità», spirito di questa edizione. Per partecipare sarà sufficiente inviare una mail all’Ufficio SUAP (suap@comune.chiari.brescia.it; tel 030 7008 208), oppure inviare un messaggio alla pagina Facebook del Comune di Chiari.

Appuntamenti per bambini

Anche i più piccoli avranno, come sempre, il loro momento grazie al concorso «Disegniamo le Quadre!». Tutti i bambini e i ragazzi fino ai 14 anni che entro il 27 agosto avranno realizzato e inviato al Comune un disegno libero che abbia come tema le Quadre (Cortezzano, Marengo, Villatico e Zeveto), lunedì 7 settembre vedranno sulla pagina Facebook del Comune di Chiari un album con tutti i disegni ricevuti. Qui si potrà votare quello più bello, basterà mettere like, e al vincitore spetterà in premio la possibilità di partecipare alla serata del Palio delle Quadre in piazza Zanardelli con quattro posti a sedere.

Il Museo e la sezione archeologica

Anche il Museo cittadino di piazza Zanardelli aprirà le sue porte durante la settimana del Palio, in duplice veste. Infatti, durante le serate della Settimana delle Quadre al Museo della Città verrà allestita una mostra dedicata alla manifestazione, fruibile nelle serate di lunedì, martedì, giovedì e venerdì.

Inoltre, la Sezione Archeologica organizzerà visite guidate gratuite per adulti (max 10 partecipanti per 2 turni) il lunedì e il venerdì, mentre il martedì e il giovedì l’archeologa Irene Paderno proporrà una caccia al tesoro per bambini e famiglie (max 10 partecipanti, con un adulto accompagnatore per ogni bambino, oppure un adulto in caso di bambini del medesimo nucleo familiare). Basterà iscriversi tramite mail o telefono (museo@comune.chiari.brescia.it, messaggio WhatsApp al 349 0695 875).

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia