Cultura
Dal 28 settembre

"Open Doors. Il museo partecipativo oggi", al via il primo incontro

Il ciclo di talk è curato dal professor Pierluigi Sacco.

"Open Doors. Il museo partecipativo oggi", al via il primo incontro
Cultura Brescia, 28 Settembre 2022 ore 08:04

Torna il programma Open Doors. Il museo partecipativo oggi.

Quando

Prende il via oggi (mercoledì 28 settembre 2022), alle 16.30, riprende all’Auditorium di Santa Giulia a Brescia il programma Open Doors. Il museo partecipativo oggi, il ciclo di talk curato dal prof. Pierluigi Sacco che ruota attorno al tema del museo partecipativo, ovvero alle prospettive dei musei del futuro, tenuto dai più importanti esperti nella gestione e nella valorizzazione dei patrimoni culturali e delle culture contemporanee italiani e internazionali. L'iniziativa è promossa e organizzata dalla Fondazione Brescia Musei, in collaborazione con la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali e con NEMO – Network of European Museum Organisations.

Oltre mille persone

I primi cinque appuntamenti, tenuti tra maggio e giugno, hanno ottenuto un grande riscontro di pubblico. Sono state 1.240 le persone che hanno seguito uno o più interventi in streaming in esclusiva sulla piattaforma della Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali fad.fondazionescuolapatrimonio.it, a cui si aggiungono i circa 200 partecipanti in presenza presso l’Auditorium di Santa Giulia. Complessivamente, oltre 3.000 gli spettatori dei 5 eventi.

L'incontro di mercoledì 28 settembre

L’incontro di mercoledì 28 settembre, alle ore 16.30, dal titolo La partecipazione che fa stare bene, si concentrerà sulle evidenze scientifiche che mostrano sempre più chiaramente come la cultura possa avere effetti molto positivi sul benessere psicologico e la salute. Il museo può quindi diventare anche un luogo in cui star bene, come rivendicato nell’aggiornata definizione di ICOM approvata lo scorso agosto a Praga: Il museo è un’istituzione permanente senza scopo di lucro e al servizio della società, che effettua ricerche, colleziona, conserva, interpreta ed espone il patrimonio materiale e immateriale. Aperti al pubblico, accessibili e inclusivi, i musei promuovono la diversità e la sostenibilità. Operano e comunicano eticamente e professionalmente e con la partecipazione delle comunità, offrendo esperienze diversificate per l’educazione, il piacere, la riflessione e la condivisione di conoscenze.

I nomi coinvolti

La sessione di studi, moderata dal professor Pierluigi Sacco, curatore scientifico di Open Doors, introdotta da Francesca Bazoli, presidente di Fondazione Brescia Musei e da Stefano Karadjov, direttore di Fondazione Brescia Musei, ospiterà gli interventi di Antonio Camurri, direttore Scientifico, Casa Paganini Genova (Cultura e tecnologia al servizio del benessere: l’esperienza di Casa Paganini), Carolyn Christov-Bakargiev, direttrice Castello di Rivoli (Arte, cura e salute), Giovanna Melandri, presidente Fondazione MAXXI (Musei e salute: l’esperienza del MAXXI), James O. Pawelski, direttore Positive Psychology Center, University of Pennsylvania (Il museo come luogo di prosperità), Tijana Palkovljević Bugarski, direttrice The Gallery of Matica srpska (Musei e disabilità: l’esperienza della Galleria Matica srpska), Catterina Seia, presidente CCW Cultural Welfare Center (Il welfare culturale come nuovo tema di politica territoriale).

 

Le parole di Francesca Bazoli

 

“Riparte il ciclo Open Doors. Il museo partecipativo oggi con una fondamentale novità a definire la cornice delle nostre discussioni: il 26 agosto a Praga è stata approvata la nuova definizione di museo che include specificamente il concetto di partecipazione afferma Francesca Bazoli Presidente Fondazione Brescia Musei. Si tratta di un’ulteriore evidenza della salienza a livello internazionale del tema a cui abbiamo dedicato questo impegnativo ciclo di incontri con oltre 50 relatori nazionali e internazionali per la presentazione delle migliori case histories intorno al tema del museo come attore prioritario nella costruzione delle comunità, in linea con gli assunti della convenzione di Faro recentemente ratificata anche dall’Italia. È quindi motivo di grande interesse per il pubblico italiano approfondire con gli esperti relatori della giornata odierna un tema cruciale com’è quello del rapporto tra l’offerta culturale museale e il benessere e la salute. Seguiranno fino a fine novembre altri tre incontri decisivi per comprendere le molte sfaccettature della nuova idea di museo”.

 

Le parole di James O. Pawelski

“Open Doors. Il museo partecipativo oggi riprende con un grande evento dedicato a uno dei temi più rilevanti del concetto di partecipazione nei musei: quanto i musei possano essere luoghi dove fiorisce il benessere, dove cultura e tecnologia entrano in gioco nel definire un contesto che fa star meglio, dove si superano le disabilità e grazie all’arte si curano le persone, dichiara Stefano Karadjov Direttore Fondazione Brescia Musei. Sempre più spesso da una decina d’anni si sente parlare di questi argomenti. Fondazione Brescia Musei, con i relatori più influenti sul tema e con la straordinaria ospitalità del più importante referente sul tema del rapporto tra musei e benessere il prof. James O. Pawelski dell’Università della Pennsylvania, offre oggi una piattaforma di analisi completa dove i casi italiani incontrano quelli internazionali in un contesto di sempre maggior centralità del ruolo del museo nella definizione delle politiche di welfare culturale delle città”.

Le parole di Pierluigi Sacco

“Il tema del rapporto tra cultura e salute sta diventando sempre più centrale, non solo nelle politiche culturali, ma anche nelle politiche di welfare. I musei sono oggi uno dei terreni di sperimentazione più interessanti e più promettenti – sottolinea Pierluigi Sacco, curatore di Open Doors, Professore ordinario dell’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti - Pescara, già Visiting Professor alla Harvard University. Con questo incontro la Fondazione Brescia Musei fa il punto sullo stato di queste pratiche e soprattutto sugli sviluppi futuri invitando alcuni dei più importanti esperti internazionali”.

I presenti

Mercoledì 28 settembre inoltre saranno presenti in sala i 10 vincitori della Call to Action indetta da NEMO Museums and Wellbeing che permetterà loro di partecipare ad una giornata di scoperta e di training attivo che esplorerà come i musei possano essere fondamentali alleati di tutte quelle organizzazioni che si dedicano alla cura, al benessere e alla fioritura personale. Oltre a seguire la sessione del 28 settembre, gli ospiti, referenti di diversi musei europei, avranno l’opportunità di visitare il Museo di Santa Giulia, Brixia. Parco archeologico di Brescia romana e la Pinacoteca Tosio Martinengo e di tenere una tavola rotonda, alle ore 15.30 presso la Pinacoteca Tosio Martinengo, moderata da Federica Novali, coordinatrice del settore Attività educative e Public Engagement di Fondazione Brescia Musei.

Come fare per seguire l'incontro

Si potrà seguire l’incontro di Open Doors sia in presenza, all’Auditorium di Santa Giulia di Brescia, prenotandosi via mail a cup@bresciamusei.com, sia in streaming, previa registrazione, sulla piattaforma di formazione a distanza della Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali fad.fondazionescuolapatrimonio.it. La partecipazione è libera e gratuita. Tutti i talk saranno tradotti in simultanea in italiano, inglese e in LIS (Lingua dei Segni Italiana). È possibile iscriversi a tutti gli incontri oppure anche singolarmente a ciascun talk. La partecipazione agli incontri dà luogo al riconoscimento di un attestato di frequenza emesso dalla Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali. L’appuntamento successivo del ciclo è in programma mercoledì 19 ottobre con La partecipazione che aiuta ad essere creativi.

 

 

 

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie