Niccolò Fabi torna sul palco dell’anfiteatro del Vittoriale degli Italiani

Niccolò Fabi torna sul palco dell'anfiteatro del Vittoriale degli Italiani nell'ambito del festival Teneramente. L'appuntamento è per domenica 26 luglio.

Niccolò Fabi torna sul palco dell’anfiteatro del Vittoriale degli Italiani
Garda, 20 Gennaio 2020 ore 14:37

Niccolò Fabi torna sul palco dell’anfiteatro del Vittoriale degli Italiani.

Il Vittoriale degli Italiani pronto ad accogliere Niccolò Fabi

Tra i più importanti cantautori italiani, con oltre 20 anni di carriera musicale, ben 10 dischi di studio, 2 Targhe Tenco e la recentissima Targa Faber alla Carriera, a pochi mesi dalla pubblicazione di «Tradizione e Tradimento», l’ultimo acclamato album di inediti, un tour invernale tutto esaurito e un imminente tour europeo, Niccolò Fabi torna in concerto sul palco dell’anfiteatro del Vittoriale nell’ambito del Festival «Teneramente».

Più di 90 canzoni, 9 dischi di inediti, 2 raccolte ufficiali, 1 progetto sperimentale come produttore, 1 disco di inediti con la super band FabiSilvestriGazzè, 2 Targhe Tenco per «Miglior Disco in Assoluto» (vinte per i suoi ultimi due album): dopo 20 anni Niccolò Fabi è oggi considerato uno dei più importanti cantautori italiani.  Tanta musica nel percorso del cantautore, tanta sperimentazione e un avvicinamento sempre più evidente ai suoni d’oltreoceano. È un percorso artistico incentrato sulla ricerca della libertà espressiva quello che in questi anni ha inseguito il cantautore romano e ne sono dimostrazioni gli ultimi due album pubblicati, «Una somma di piccole cose» (2016) e «Tradizione e tradimento» (2019).

Domenica 26 luglio, sul palco vista-lago del Vittoriale di Gardone Riviera, insieme a Niccolò Fabi (voce, chitarra e piano) gli amici e colleghi Roberto Angelini (chitarre, ARP e cori), Pier Cortese (chitarre, Ipad e cori), Alberto Bianco (basso, chitarre e cori), Daniele «mf coffee» Rossi (synth, piano e moog) e Filippo Cornaglia (batteria, elettronica e glockenspiel).

Teneramente, il festival

Il Festival si svolge nell’anfiteatro del Vittoriale degli Italiani, in un contesto ricchissimo di storia, e nel suo meraviglioso parco, eletto nel 2012 «Parco più bello d’Italia». Un luogo sospeso tra arte, cultura, natura e bellezza.

Nelle prime sette edizioni ad essere ospitati sono stati i nomi più prestigiosi e interessanti della musica e dello spettacolo internazionale: Lou Reed, Ben Harper, Burt Bacharach, Keith Jarret, James Taylor, Joan Beaz, Damon Albarn, Paolo Conte, The National, David Byrne, Giorgio Albertazzi, Eleonora Abbagnato, David Larible, Patti Smith, Pat Metheny, Filippo Timi, Franco Battiato, Momix, New York City Ballet, Martha Graham Dance Company, Ludovico Einaudi, Stefano Bollani, Paul Weller, Steven Wilson, Arto Lindsay…
Nel 2015 Mario Biondi, artista italiano tra i più amati nel mondo, gira al Vittoriale il video di «Love is a temple», primo singolo dell’album «Beyond», disco d’oro in poche settimane. Il suo concerto al Festival del 12 luglio è stato ripreso in diretta radio e video su RTL. Nel 2016 è la volta di Enrico Ruggeri, che al Vittoriale ambienta il video de «Il volo su Vienna», ispirato all’impresa dannunziana.

Con 26mila spettatori, nel 2018 le presenze hanno confermato la crescita costante, essendo più che raddoppiate rispetto al 2010 e triplicate rispetto al 2009.  L’ indice medio di riempimento del teatro del 100%. L’85% dei biglietti è venduto online e viene acquistato da tutte le regioni d’Italia e da tutto il mondo: dal 2011 a oggi sono stati venduti biglietti in 56 Paesi, tra cui Germania, Austria, Regno Unito, USA, Francia, Belgio, Russia, Svizzera, Estonia, Thailandia, Australia, Argentina, Finlandia…

Salutato da GQ Italia come uno dei 5 Festival più maturi del Bel Paese, insieme a rassegne storiche come Umbria Jazz e il Festival dei Due Mondi di Spoleto, per ciascuna edizione di Tener-a-mente sono oltre 600 i ritagli stampa su testate nazionali di grande diffusione, televisive, radiofoniche, cartacee e online.

TORNA ALLA HOMEPAGE